shinystat spazio napoli calcio news Buon compleanno Gokhan Inler, ventinove anni e non sentirli

Buon compleanno a Gokhan Inler, ventinove anni e non sentirli


napoli_allenamento_castel_volturno_spazionapoli_foto (70)_inlerBuon compleanno Gokhan Inler | Periodo di compleanni in casa Napoli. Dopo quello del capitano Paolo Cannavaro, è il momento di Gokhan Inler che oggi compie ventinove anni. Il centrocampista azzurro, leggermente in ombra nella scorsa stagione chiuso dalla grande annata del compagno di ruolo Blerim Dzemaili, ha accettato ogni scelta tecnica con professionalità lasciando inalterato l’attaccamento alla maglia azzurra, volendo proseguire la sua permanenza sotto l’ombra del Vesuvio ancora a lungo. Indimenticabile il giorno della sua presentazione, quando il patron Aurelio De Laurentiis gli fece indossare una maschera da leone su una stupenda nave da crociera, celando agli addetti ai lavori il volto del primo acquisto della società. In città ormai da tempo si parlava di Inler con la maglia del Napoli, precisamente da quando segnò proprio al San Paolo in forza all’Udinese un gol straordinario ma non esultò. “Non sono stato ceduto al Napoli, l’ho fatto per rispetto ai tanti amici che ho qui” dichiarò nel post gara ma l’alibi non reggeva. Poche settimane dopo infatti, divenne un giocatore azzurro a tutti gli effetti, andando ad rinforzare la mediana con qualità e cinismo.

I tifosi partenopei infatti, nonostante qualche prestazione altalenante, non dimenticano le sue imprese, gli eurogol da centrocampo ed il carattere dispensato nei big match, dimostrando di avere tutte e carte in regola per fare parte anche dell’era Benitez. Ci sono però molti i club esteri che vorrebbero acquistarlo, con il Galatasaray in pole position e spetterà solo alla società sotto l’ombra del Vesuvio l’ultima parola. Con la speranza che rimanga in azzurro e che possa ritagliarsi più spazio nella prossima stagione tra campionato e Coppe, gli auguriamo una carriera sempre più ricca di soddisfazioni ed un futuro tinto dell’azzurro del Napoli.

Alessia Bartiromo

RIPRODUZIONE RISERVATA