shinystat spazio napoli calcio news Alvaro Morata, attaccante della Roja under 21, è nel mirino di Benitez

Alvaro Morata, centravanti dell’Under 21 spagnola, è nel mirino di Benitez. Ma il costo è elevato


morata

Alvaro Morata – «Stars of today, superstars of tomorrow». È lo slogan scelto dall’Uefa per l’Europeo Under 21 in Israele. Stelle di oggi, superstelle di domani. Alvaro Morata, attaccante spagnolo classe ’92, racchiude alla perfezione questo concetto. È già stella oggi a 20 anni, lo sarà anche domani. Perché sarà il leader del prossimo ciclo dell’Under 21 con finestra sulla Nazionale maggiore dove potrebbe approdare, forte dei 4 gol realizzati in questo Europeo. Ma nel futuro del giovane attaccante del Real Madrid potrebbe esserci anche l’Italia, Napoli, Insigne suo incubo stasera, magari compagno da luglio. Benitez ha messo gli occhi su Morata che ha un contratto col Real fino al 2015 e ha una valutazione ufficiale di 7 milioni e mezzo, anche se i ben informati sostengono che il Real ne chiede 10 ( e forse non lo lascia andare…).

Morata è esploso qui, in Israele. Con la Russia, all’esordio, la Spagna non riusciva a sbloccare il risultato. È entrato Alvaro e l’ha messa dentro. Stessa cosa con la Germania: decisivo. Con l’Olanda, alla terza, Morata ha avuto spazio dall’inizio e non si è smentito: ha segnato il primo dei tre gol. Con la Norvegia è tornato in panchina, ma, quando è entrato, non ha fallito. Sua l’ultima rete nel recupero. Ora è capocannoniere. E difficilmente verrà scalzato dal trono. Solo Isco e Gabbiadini, che sono a quota 2, potrebbero riuscirci.

Il Real lo ha usato (12 volte, anche in Champions), ma, essendo chiuso da Higuain, lo ha dirottato spesso nella squadra B, il Castiglia dove ha collezionato 18 gettoni. Ma qui si è guadagnato in volata la convocazione per l’Under. È alto 1,90, è veloce e potente. Fuori dal campo è umile e tranquillo. L’allenatore Lopetegui non ha mai dato una spiegazione al fatto che Morata parta dalla panchina a vantaggio, però, di un altro campioncino, Rodrigo, finalista di Europa League col Benfica. «Lui è come gli altri». Uno dei 23, che quando entra fa male. E a Napoli lo hanno capito. Rafa con i giovani ci sa fare. Investire su Alvaro potrebbe rivelarsi una scelta azzeccata.

FONTE: Gazzetta dello Sport