shinystat spazio napoli calcio news San Paolo, sette giorni per presentare il certificato di agibilità

San Paolo, sette giorni per presentare il certificato di agibilità


Stadio San Paolo, curva BEntro il 20 giugno il Napoli dovrà presentare alla Federcalcio la richiesta di licenza d’uso dello stadio per poter disputare al San Paolo le gare interne del prossimo campionato. Per ottenere la licenza d’uso occorre però necessariamente produrre in via Allegri il certificato di agibilità dell’impianto di Fuorigrotta. Il documento, che solitamente è stato sempre rilasciato dal Comune di Napoli entro la fine di marzo, allo stato non è stato ancora consegnato alla società azzurra. Se non dovesse succedere nulla nei prossimi sette giorni, il Napoli, così come è già accaduto nella procedura per ottenere la licenza Uefa, dovrà indicare obbligatoriamente alla Figc un terreno di gioco diverso per disputare le partite casalinghe del prossimo campionato. Anche in questo caso il Napoli è pronto ad indicare lo stadio Barbera di Palermo come impianto alternativo, così come ha già fatto per le partite in casa della prossima edizione della Champions League.

In questo caso il Napoli sarà costretto a richiedere alla Figc successivamente una speciale deroga per avere la possibilità di ritornare a giocare al San Paolo. Recentemente il presidente De Laurentiis aveva lanciato l’allarme relativo al mancato rilascio da parte del Comune di Napoli del certificato di agibilità dello stadio: “Abbiamo scadenze incombenti non solo per la licenza Uefa, ma anche per il certificato di agibilità che ci è sempre arrivato entro il 31 marzo, ma ora non sappiamo quando arriverà”. E il sindaco De Magistris: “Il certificato di agibilità non è un atto formale, pensate alle responsabilità che assume chi lo firma”.

Sembrano procedere regolarmente le opere di ristrutturazione all’impianto di Fuorigrotta, così come prescritte dall’Uefa nello scorso dicembre. Si stanno rispettando i tempi del cronoprogramma dei lavori condiviso dalla società azzurra e dal Comune e al momento c’è moderato ottimismo in vista del prossimo e decisivo sopralluogo al San Paolo del delegato Uefa in programma per fine mese.

Fonte: Il Mattino