shinystat spazio napoli calcio news Napoli alla conquista della Spagna: Rami e Callejòn nella lista di Benitez

Napoli alla conquista della Spagna: Rami e Callejòn nella lista di Benitez


Valencia's new soccer player Adil Rami of France poses during his official presentation in Valencia

Vamos: e sono andati in giro per la Spagna, da Madrid a Valencia, nella nobiltà d’un calcio (evoluto) che el señor Rafa conosce in ogni suo angolo più sperduto. Vamos: e hanno cominciato a scandagliare un Paese che sta dominando, che ha talenti propri e d’importazione, che offre possibilità d’ogni genere e specie, che consente di intervenire in qualsiasi zona del campo. Vamos però partendo dalla capitale e poi spostandosi, lanciando un’occhiata per riflettere su altre opzioni e poi guardando pure dentro casa, per inviare un messaggio inequivocabile all’universo: «De Sanctis è un intoccabile».

José Maria Callejòn (26) ha un curriculum vitae da far impallidire: basta e avanza il Real Madrid (ma mettete anche l’Espanyol)
per dare un senso alla sua carriera. L’esterno che può tornare utile, in versione 4-2-3-1, ha le caratteristiche d’un giovanotto che con Mourinho ha giocato eccome, che può aver mercato (e ce l’ha) e che a Benitez va bene, anzi benissimo, per irrobustire l’organico del Napoli e cingerlo di internazionalità. L’idea é stata lanciata lì nel primo summit, poi coltivata, infine lasciata germogliare ufficialmente: Manuel Garcia Quilon, il manager del tecnico, ha nel proprio «portafoglio» anche quest’ala moderna che nei trenta metri sa come farti male, che si concede con umiltà alla fase passiva e che sa concedere gli equilibri giusti.

Ma la nuova frontiera é stata ormai superata e conviene restarci, perché nel Valencia c’é un corazziere che garantisce qualità e
quantità, che ha piede e fisicità, che é nazionale francese e un pilastro d’una squadra rimasta scottata dall’eliminazione dai preliminari di Champions all’ultima di campionato: Adil Rami (28) ha l’autorevolezza necessaria per dare ulteriore spessore ad una retroguardia che va riveduta e un pochino corretta, ma che ha uno zoccolo duro dal quale Benitez non si staccherà.

E si riparte da loro, dalla vecchia guardia, soprattutto da Morgan De Sanctis, ritenuto dall’allenatore un caposaldo e confermatissimo, al di là d’ogni chiacchiericcio del mercato, dal «cinguettio di De Laurentiis: «De Sanctis è il portiere scelto da Benitez». A lui la porta
e a Rami, con Cannavaro al fianco, la cerniera da sistemare proprio dinnanzi al numero uno.

FONTE: Corriere dello Sport