shinystat spazio napoli calcio news PRANDELLI NAPOLI | La GdS: "Ha detto no a De Laurentiis"

IL RETROSCENA\ GdS: “Prandelli ha detto no a De Laurentiis”


PRANDELLI NAPOLIPRANDELLI NAPOLI | La telefonata è arrivata a fine campionato, dopo l’ultima giornata, quando Aurelio De Laurentiis si è convinto definitivamente che Walter Mazzarri “sarebbe andato a letto” con l’Inter. La proposta del presidente del Napoli, evidentemente sensibile ai tecnici istituzionali come Donadoni, era la stessa che avrebbe poi accettato Rafa Benitez: un biennale da 3.5 milioni a stagione. Dire che Cesare Prandelli abbia traballato forse è troppo, ma dire che abbia ringraziato e chiuso il discorso in un paio di minuti è troppo poco. Una serena e umanissima riflessione sulla proposta di lavoro del Napoli il c.t. azzurro l’ha spesa e non solo perché l’ingaggio offerto da De Laurentiis triplicava quello federale di 1.2 in scadenza nel 2014.

Tentazione Prandelli non ha mai nascosto la voglia di tornare a essere un allenatore quotidiano e Napoli è una delle piazze più eccitanti per un tecnico, offriva una sfida intrigante: la prospettiva di rifondare la squadra con i soldi della probabile partenza di Cavani. In questa estate tormentata, arrivano nuovi inquilini sulle panchine piu’ importanti: Inter, Napoli, Roma, Milan… Il bicampione Conte è saldo alla guida della Juve. Il c.t. azzurro avrà considerato che tra un anno, dopo il Mondiale, quando verosimilmente interromperà la sua avventura di c.t. potrebbero passare molti meno tram prestigiosi. Altro elemento di dubbio: per tre anni ha lavorato contro vento, cercando di strappare attenzioni ai club per la sua Nazionale. E pedalare contro vento stanca. Degli stage negati e della chiusura al progetto delle seconde squadre sappiamo. Ultimo episodio: alcuni club hanno chiesto la disponibilità di giocatori impegnati in Confederations per eventuali amichevoli di fine campionato ben remunerate. Richiesta sconfortante per un c.t. che già deve fare acrobazie per ritagliarsi uno spazio minimo di lavoro. Aggiungiamoci certe promesse federali, scoccate nell’euforia del dopo Europeo che non sarebbero arrivate a bersaglio. Frullate il tutto, e avrete il momento di tentazione davanti alla chiamata del Napoli.

La scelta Ma messo sull’altro piatto della bilancia il senso di responsabilità, il discorso si è chiuso. Prandelli chiede alla sua Nazionale di essere d’esempio e quindi sa di essere il primo a doverlo dare. Presidenti e allenatori si riempiono la bocca della parola “progetto”, poi al primo incidente o al primo trionfo sciolgono con disinvoltura gli impegni presi. Il c.t. azzurro si è impegnato per quattro anni con la Federcalcio, con la squadra, con tutti, e vuole portare a termine la parabola del suo lavoro. Un messaggio ai colleghi dal primo allenatore italiano, un esempio. E’ proprio grazie alla paziente educazione di un gioco che abbiamo una Nazionale vice campione d’Europa, candidata da Michel Platini a vincere il prossimo Mondiale. L’Italia è l’unica squadra che abbiamo veramente competitiva a livello internazionale. Ha la qualità e l’intensità di gioco che mancano ai club. Tra Italia e Germania non c’è la distanza che separa la Juve dal Bayern Monaco. Prandelli crede al Mondiale non meno di Platini. Soprattutto per questo ha detto “no, grazie” a De Laurentiis, per non perdersi qualcosa di grosso tra un anno dalle parti di Rio. Sette milioni non sono una buona ragione per rinunciare a un sogno coltivato con tanta cura nel tempo. Vedi il Napoli e poi molli? No, Cesare Prandelli resta. Non avrà altro azzurro all’infuori dell’Italia. “I soldi non bastano a trattenere una donna infedele”, dice De Laurentiis. Neppure a sedurre una fedele, però.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl