shinystat spazio napoli calcio news Mazzarri Napoli allenatori

Bravo Walter, ma ora si sente il bisogno di “internazionalizzarsi”


mazzarri napoliMazzarri Napoli \ A poche ore dalla chiusura del capitolo Mazzarri, con buona pace di un progetto vincente e ricco di soddisfazioni, la società azzurra è pronta ad aprire nuovi scenari relativi alla guida tecnica della squadra. Quanto sia importante fare l’allenatore, specie in una piazza come Napoli, ce lo ha insegnato Mazzarri, personaggio a tratti ambiguo e burbero, in perenne contrasto con la stampa e le televisioni, in grado di isolare la squadra nei momenti delicati, nonostante la pubblica opinione napoletana non sia stata sempre clemente per quanto riguarda le questioni delicate di una stagione ad alto tasso di tensione e stress. Ma l’antenna-Mazzarri è stato in grado di catapultare su se stesso le onde anomale di voci incontrollate, le scorie dei gossip più disparati, le negatività che avrebbero compromesso il suo lavoro di tecnico e mentore di un gruppo proiettato a concentrarsi sulle vicende del campionato piuttosto che perdersi nei meandri delle dichiarazioni e dei “botta e risposta“.

In un certo senso, Walter ha lasciato ai posteri un vero e proprio “modus operandi” di come affrontare una piazza delicata e sempre pronta alla critica, spesso gratuita, verso la squadra ed i suoi più vicini collaboratori. Non gli si può certo negare di essere stato, con i suoi modi, una calamita naturale capace di attrarre a se una concentrazione mediatica che, nel tempo, si è rivelata l’arma vincente per un gruppo di ragazzi a cui non gli si poteva chiedere di più, per accertati limiti tecnici e caratteriali. Ecco perché, al termine del ciclo Mazzarri, si ha la sensazione che una delle maggiori virtù del tecnico livornese sia stata quella di “spremere” la squadra al massimo del proprio limite, giocatore per giocatore sembra aver dato tutto ciò che ha potuto, e magari in un altro contesto mai si sarebbe sognato di toccare vette tecnico-tattiche di questo spessore. 

Dopo gli applausi a scena aperta, tocca affrontare riflessioni importanti. Cosa serve alla squadra e alla città per proseguire il cammino verso la gloria? Come sarà possibile non perdersi nel tempo attraverso un cambio al timone che in molti casi è coinciso con un ridimensionamento che, in città come Napoli, può significare deprimersi prematuramente? A quali mani bisognerà affidarsi per aprire un nuovo ciclo, votato alla crescita mentale, verso una dimensione più internazionale? Eccolo il nodo della questione. Essere internazionali, “be international” per dirla all’inglese, è un concetto che fino ad ora, nonostante le esperienze degli ultimi tre anni nelle coppe europee, non appartiene ancora all’intelaiatura di una società che sta crescendo a dismisura, sotto l’aspetto tecnico ma anche considerando il budget che la proietta ad essere una delle squadre con un “tesoretto” in grado di fare invidia alle squadre dei vari sceicchi e magnati d’europa.

Ed allora viene spontaneo abbandonare le pesanti cime che porterebbero con sé scelte tecniche, per così dire interne, legate ai nomi di Pioli, Guidolin, lo stesso Montella, per carità allenatori dalle grandi capacità, alcuni con ampie prospettive di crescita, ma privi di quell’impatto emotivo in grado di dare la giusta scossa all’ambiente, calciatori compresi, non avendo ancora avuto modo di costruirsi un’immagine dall’alto potenziale mediatico che allenatori alla pari di Rafa Benitez e Jupp Heynckes, addirittura Giovanni Trapattoni, trascinano con sé, vuoi per l’ampio bagaglio di esperienza, costellato da numerose vittorie, ma anche per l’impatto che una scelta del genere avrebbe sul progetto Napoli, alle prese con il secondo capitolo del “work in progress, proiettato verso una consapevolezza ben chiara, sulla strada di un processo di crescita che aprirebbe il compasso verso una rilevanza che finalmente metterebbe a tacere chi ha il sentore che non si voglia compiere il fatidico “passo verso la gloria” che tutti auspicano nello stretto giro di pochi anni.

E poi, come già detto in considerazione del potere d’immagine di questi ultimi, la piazza azzurra sarebbe anche più compiacente verso tecnici di tale spessore, contrariamente a quanto accadrebbe se la scelta dovesse cadere su di un tecnico “brillante ma poco vincente” come i nomi degli allenatori italiani sopra citati. Potremo quindi convenire che, anche il Napoli, come l’Italia, ha bisogno di fare un passo in più verso l’Europa.

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl