shinystat spazio napoli calcio news progetto napoli cavani lavezzi

Progetto Napoli, quel principio da invertire per consolidare le proprie ambizioni


progetto napoliProgetto Napoli \ Sensazioni verso il basso, come l’umore degli innamorati persi di un calciatore simbolo come Cavani. Sentir parlare di partenze illustri, dopo averne subita già una, dolorosa eccome, l’anno scorso, leggasi Lavezzi, non sicuramente insostituibile, ma un pezzo del cuore di Napoli, figlio illegittimo di una proiezione antica, di uno scugnizzo chiamato Diego a cui aveva rubato alcune movenze e, di conseguenza, i dettagli di un sentimento d’affetto che è stato capace di riportare in auge. Poi lo strappo, l’addio verso mete economicamente più generose. Ora la strada sembra essere ricca di similitudini per il matador, chiuso tra una crisi familiare e la voglia matta di esplodere e conquistare le alte sfere del calcio mondiale, puntando a campionati e coppe senza sentirsi dire di essere una sorpresa. Ed ecco coniare tristemente il proverbio “Vedi Napoli e poi…parti“.

Eccole le sensazioni verso il basso, e cioè verso una concezione di squadra che etichetta gli azzurri ancora come una realtà in cerca di identità ben precise, tra l’essere ancora una cenerentola in questo mondo in cui i grandi club fanno pazzie pur di portare in squadra armi letali per poter spazzare via i dubbi sui potenziali successi, e l’amara realtà che li considera ancora immaturi verso l’aspirazione a divenire un club ambito, una piazza a cui i campioni non sappiano dire di no. Per forza di cose i pensieri si rivolgono verso un ridimensionamento che a tratti fa rabbia, perché si legge ovunque che questa società abbia raggiunto una solidità economica che forse molti club d’elitè attualmente non hanno, ed allora sorge spontanea la reazione irascibile di chi non condivide la politica del “vendi il pezzo pregiato per comprare piccole promesse che un giorno diventeranno campioni”.

C’è stato il tempo in cui questa lungimirante scelta di mercato era condivisibile, dovendo accettare di far parte da troppo poco tempo di un emisfero pallonaro profondamente cambiato, attento ai bilanci, soprattutto controllato a livello europeo da chi giudicherà una scelta azzardata, un eccesso in termini economici che potrebbe proiettarti verso il baratro finanziario. Oggi queste problematiche sembrano essersi dileguate grazie anche alla saggezza societaria a cui va fatto un plauso, ma forse oggi sentire ancora parlare di vendere il campione per trovarne altri potenziali ha raggiunto l’apice della pazienza. Bisognerebbe invece cominciare ad essere ambiti dai grandi talenti, ma anche dai campioni affermati, pronti ad abbracciare il progetto Napoli come porta principale verso il paradiso dei successi, e non come isola piuttosto felice su cui ancorare in attesa che la sorte porti buone nuove all’orizzonte.

E’ l’ora di assorbire la mentalità dei club che hanno dalla loro parte il potere economico, ergo la possibilità di manovrare le scelte di mercato su obiettivi ambiziosi, riuscendo a costruire una macchina infallibile, proiettata verso la vittoria con un alta percentuali di possibilità, arrivando ai nastri di partenza della prossima edizione con i favori del pronostico. Bisogna invertire la tendenza e contestualizzare in questo progetto i concetti fondamentali per attuare questa trasformazione, per far si che Napoli diventi la squadra dei sogni, e non il trampolino di lancio per sognare di arrivare in altri grandi club. E’ ovvio che c’è bisogno di fare la storia e di farla subito, con una obiettività che deve farci vedere chiaro ed in maniera sincera, partendo dal presupposto che quest’anno, con qualche piccolo sforzo in più, si sarebbe potuto puntare al tricolore,  che in quest’annata chiameremo “lo scudetto dei mediocri” (non ce ne vogliano i bianconeri), per ovvie ragioni. E’ arrivato il momento di non essere più “i meno mediocri tra i mediocri”, e arrivato il tempo in cui vincere ad ogni costo dovrà essere un imprescindibile punto di partenza, da coniare anzitutto nella struttura societaria, da inculcare poi come principio di base nella mentalità dei calciatori che indosseranno questa maglia. “Vedi Napoli e poi…vinci”.

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl