shinystat spazio napoli calcio news Cessione Cavani, a leggere l'offerta di ingaggio, sarebbe più ricco di Messi!...sempre più in disaccordo con questo tipo di informazione

Cessione Cavani, a leggere l’offerta di ingaggio, sarebbe più ricco di Messi!…sempre più in disaccordo con questo tipo di informazione

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

CavaniContinuano a piovere le notizie di mercato secondo cui Cavani avrebbe già la valigia pronta ed il portafogli a ventaglio per intascare i milioni degli sceicchi. Nell’edizione odierna de “Il Corriere dello Sport” addirittura si parla di una possibile riduzione della clausola rescissoria (63 milioni di euro, ndr) a seguito dell’offerta “faraonica” che il Manchester City starebbe per mettere sulla scrivania della società partenopea, con tanto di ingaggio da superstar per il matador, che intascherebbe 15 milioni di euro l’anno, più di dello stipendio lordo di Messi. Questo, inoltre, renderebbe Edinson il giocatore più pagato della Premier League, superando addirittura Aguero e Rooney.

Ma si sa, i giornali tendono ad enfatizzare semplici proiezioni di mercato e illazioni da bar, puntando sui numeri per cercare di impressionare i lettori, in un gioco che va soltanto a discapito della società azzurra. Questo vociferare fa soltanto male per adesso, qualora ci fossero le prospettive di una cessione di Cavani è bene che se ne parli a fine stagione e che si lasci in pace il giocatore e l’entourage partenopeo, intento al raggiungimento del proprio obiettivo stagionale, così come abbiamo già ampiamente dichiarato ieri nella copertina di Spazionapoli. Il dovere di cronaca, ancorato ai quotidiani italiani ed esteri,  è l’amaro vincolo a cui si ha la necessità di dover far fronte, pur non condividendo le linee editoriali, modi, termini e tempi con cui vengono riportate notizie dalla dubbio provenienza.

Cavani è padrone di se stesso, ma che adesso si montino fantomatiche trattative, richieste di tagli alla clausola, cifre di ingaggi e quant’altro ci sembra, ancora una volta, fuori luogo, fuorviante e l’ennesimo tentativo di disturbo al giocatore e ad i compagni. Ma l’esempio di professionalità di Cavani spinge lontano qualsiasi illazioni, come fosse protetto da uno scudo costruito sulla lealtà e sulla chiarezza di un uomo che ha un profondo rispetto della persone che lo osannano e che lo hanno eletto leader della squadra. Che non si tenti di macchiare anche questo.

Preferenze privacy