shinystat spazio napoli calcio news Cannavaro: "Voglio essere Totti a Napoli"

Cannavaro: “Voglio essere Totti a Napoli”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

napoli_allenamento_castel_volturno_spazionapoli_foto (51)_paolo_cannavaroRaggiunto e superato Panzanato, ora capitan Cannavaro insegue Buscaglia, il torinese che negli anni Trenta fu protagonista azzurro.  272 le sue presenze in maglia azzurra; 268, invece e per il momento, quelle di Paolo Cannavaro che per fine stagione punta a diventare il sesto napoletano d’ogni tempo. Profumo di nuovi record, insomma, per il capitano che a trentadue anni guarda avanti e pensa in grande.

Nella storia azzurra Paolo già ci sta. Gli manca soltanto una vittoria, un successo, un trofeo importante. Più importante di quella Coppa Italia che sollevò al cielo un anno fa. Perché poi, alla fine, nel calcio sei quello che vinci, quello che porti a casa per la gioia tua, del club, della città. E sa quello che vuole. Anzi, quello che vuole essere in questo mondo del pallone in cui i valori si misurano in milioni e vanità da star. Per lui non è così. Paolo Cannavaro, moglie, figli e tutto casa e campo, non lo nasconde ed è pronto a scriverlo a mo’ di antico ultrà pure sui muri del San Paolo decrepito e indecente: «Voglio essere per il Napoli ciò che è Totti per la Roma: la bandiera» . Progetto niente male. Ma anche un’ambizione onesta, lecita, possibile per chi come lui guarda a gente come Juliano e Bruscolotti, modelli d’attaccamento certo alla maglia azzurra.  Del resto pure lui è nato e cresciuto là, tra i baby. Del resto pure lui, grazie all’occhio lungo e competente di Enzo Montefusco, ha esordito in prima squadra quando era solo poco più d’un ragazzino. Era il ’99 e il campionato era quello di serie B. Lo stesso in cui era il Napoli quando dopo gli anni di Parma decise di tornare. Lasciò la A sicura e tranquilla e si ributtò di getto, d’istinto in serie B, però con la squadra per la quale ha fatto sempre il tifo.

Una scelta di cuore e di passione che l’ha portato a diventare il capitano, il riferimento della squadra. Una favola bella? Sì, non v’è dubbio, ma la sua favola azzurra ha avuto pure giorni amari. Almeno due. Il 16 maggio del 2009, quando scaraventò il pallone sugli spalti per ribellarsi ai fischi ingenerosi della gente e il 18 dicembre di due anni dopo, quando ingiustamente si vide squalificare per sei mesi per una storia di scommesse poi smentita dalla corte federale un mese dopo.  Cose, momentacci che avrebbero steso chissà quanti calciatori, ma non lui che ogni volta ha saputo combattere, reagire, ricominciare, riconquistare l’affetto e la stima della gente. Uno di carattere, insomma. Uno che ha raggiunto gli obiettivi che voleva. Tranne uno. L’azzurro della Nazionale. Una volta e via. Troppo poco per restare soddisfatto. E certo Prandelli, spettatore domenica a Milano, non gli ha mai lasciato neppure uno spiraglio per provarci ancora. E allora? E allora Cannavaro ha gonfiato il petto ed è andato per la sua strada un’altra volta. “Vai col Napoli” , s’è detto chissà quante volte. E se lo ripete ancora Cannavaro, protagonista d’un Napoli che cerca la conferma del secondo posto e il ritorno in Champions dal portone principale. Già ma con chi in panchina? Nessun dubbio. Perché Paolo Cannavaro è un grande elettore di Mazzarri.

Fonte: Corriere dello Sport

Preferenze privacy