Home » News Calcio Napoli » Cena scaramantica per studiare moduli e posizioni

Cena scaramantica per studiare moduli e posizioni

CenaStessa sera, stesso orario, stesso menù, stessa cena servita dagli stessi camerieri al “Convivium” di Cuma. Ogni mercoledì si ripete il rito scaramantico proposto da Mazzarri.  Amuleti, riti e magari persino foto religiose nel sotto passaggio  non bastano più a Mazzarri: da quando ha portato la squadra a cena nel ristorante del suo amico, Procolo Lubrano, il suo Napoli ha ripreso a vincere. È successo la prima volta alla vigilia della gara con l’Atalanta e poi è proseguito ancora prima del Torino e del Genoa. E allora si va avanti. Non è vero ma ci credo, per scherzo o molto sul serio, per convinzione o disperazione: dal magazziniere al presidente, ognuno ha il suo modo per cercare di farsi baciare dalla fortuna. Mazzarri ne ha scoperta una quasi per caso: inaugurò la «cena sociale» dopo la visita di De Laurentiis a Castel Volturno, subito dopo la sconfitta col Chievo.

LEGGI ANCHE:   FOTO - "Forza Ischia!" Lo splendido messaggio della Curva A dopo la tragedia

Il patron, in realtà, è convinto che sia stato lui a far girare la luna nera degli azzurri. Ma non ditelo a Mazzarri: il tecnico è sicuro che sia invece il menù del Convinvium. Tutti hanno le loro fisse, sia chiaro. Walter un po’ di più: ricordate quando in pieno inverno, con la pioggia o la neve, si ostinava a indossare sempre e solo la camicia bianca? Raccontò proprio lui il perché: «Perdevamo con la Juve 2-0, tolsi la giacca e vincemmo a Torino 3-2». Un’altra volta spiegò che «se la domenica vinco, cerco di toccare la squadra il meno possibile». Mazzarri, in fondo, ha avuto come maestro Renzo Ulivieri: indossava sempre un cappotto, anche d’estate, sempre. Perse dei gran chili, ma a Napoli non gli andò bene lo stesso. Non a caso poi Mazzarri abita a Pozzuoli: la sua prima gara da primo allenatore la giocò proprio qui. Contro la Puteolana. Lui era all’Acireale.

LEGGI ANCHE:   Diego JR sogna il Napoli: ruolo in azzurro per lui? Le sue parole

Fonte: Il Mattino