shinystat spazio napoli calcio news Hamsik e il gol che manca!

Hamsik e il gol che manca!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

hamsik_spazionapoli_allenamento_spazio_15_01_13Quest’anno non ha mai saltato una partita, sempre presente e da titolare. Un grande calciatore, uno dei top player del campionato italiano, e su questo nulla da discutere. Ha realizzato passaggi vincenti che i suoi compagni hanno trasformato poi in gol, e allora sembra non ci sia niente da aggiungere, o forse sì, perchè Marek Hamsik non segna dal due febbraio scorso, contro il Catania al San Paolo, quando gli azzurri vinsero con un 2 a 0 secco, con una rete anche di capitan Cannavaro. Poi, per Marek, è iniziato il digiuno, che unito a quello di Cavani e degli altri, ha condizionato il Napoli.

Ora il Matador è tornato in carica, anche Pandev dopo un’astinenza è tornato al gol contro l’Atalanta; il Napoli non si ferma di sicuro, manca solo Hamsik all’appello, che ha voglia di tornare a segnare. Le motivazioni ci sono tutte: mantenere a debita distanza il Milan impegnato in casa della Fiorentina, prima dello scontro a San Siro e poi prendersi la Champions. E allora, a contribuire alla vittoria azzurra contro un Genoa che lotta per la salvezza, questa volta potrà essere un suo gol. C’è da dire che il digiuno di Hamsik è dipeso anche dalla bravura dei portieri avversari, con la Sampdoria infatti fu l’estremo difensore Romero a deviare il pallone con la punta delle dita della mano sinistra e ancora, con i bianconeri, Gigi Buffon gli ha negato la gioia del gol smontando le sue iniziative.

I rossoblù non vincono al San Paolo da 2009, quando si imposero nella ripresa al Napoli di Edy Reja. Domenica ci sarà un’ulteriore possibilità per lo slovacco, che per il Napoli continua a essere un giocatore fondamentale e di certo non intende tradire le attese adesso. Questa volta potrebbe toccare a lui, al principe degli assist a fare centro e portare gli azzurri alla vittoria.

MARIA REA

Riproduzione Riservata

Preferenze privacy