shinystat spazio napoli calcio news Pulvirenti: "Sarà una bella lotta quella per il primo posto. Cavani? Ritornerà a segnare da domani. A Torino per vincere"

Pulvirenti: “Sarà una bella lotta quella per il primo posto. Cavani? Ritornerà a segnare da domani. A Torino per vincere”


antonino-pulvirenti-624x300

E’ uno dei Presidenti più passionali del nostro panorama calcistico. Amante del buon calcio e dei giocatori sudamericani. Ha costruito un centro sportivo all’altezza delle più grandi società europee e il suo Catania lotta per raggiungere un traguardo storico come la qualificazione ad una competizione europea. Antonino Pulvirenti, Presidente del Catania che domani affronterà la capolista Juve, ha rilasciato un’intervista a Il Mattino parlando anche del Napoli e della lotta scudetto “C’è da aspettarsi una bella lotta per il primo posto. Nemmeno lo scontro diretto di Napoli ha scosso più di tanto il campionato e, per quanto rimonti, il Milan è troppo lontano per disturbare i primi della classe ovvero Juventus e azzurri”

Presidente non andrà mica a Torino con l’animo rassegnato?
“Macché, tutt’altro. Siamo gli avversari dei campioni d’Italia, ne siamo consapevoli, avvertiamo la loro forza però la cosa non ci tocca più di tanto. Abbiamo obiettivi immediati: riscattare la scoppola che ci ha rifilato l’Inter e continuare nella nostra stagione vincente. Il Catania deve realizzare tre punti innanzitutto per sé, tuttavia se questo nostro potenziale risultato potesse agevolare il Napoli e riaprire il campionato sarebbe meglio per tutti, per l’interesse che la serie A deve mantenere e che in tempi brevi dovrà accrescere. Bisogna riportare il calcio italiano su livelli di assoluta eccellenza”.


Restiamo alla partita di Torino. Il 28 ottobre finì male: la Juventus che vinse 1-0, un gol regolare annullato, un mare di polemiche, il suo Catania strattonato dagli arbitri e lei espulso. Sarà un po’ avvelenata la partita di ritorno?
“No, l’unico veleno che circola nella mia squadra è quello dello sciagurato secondo tempo contro l’Inter”.


Meglio così, niente rivalse. Piuttosto attenzione elevata per evitare un altro arbitraggio scellerato come quello del trio Gervasoni, Maggiani (guardalinee) e Rizzoli (arbitro di porta).
“Nemmeno. Una direzione di gara è neutrale per definizione, non deve tenere conto né del passato e neppure se la squadra A è più blasonata della squadra B. Nella stragrande maggioranza dei casi gli arbitri si comportano sempre così. Che aggiungere? All’andata fummo sfortunati, capita che ci sia una squadra più sfortunata dell’altra”.


Sorriso beffardo...
“Tutt’altro. Il Catania è una realtà ed è consapevole di quanto ha fatto e farà, perché ha saputo programmare bene sia in campo tecnico che in quello amministrativo. Merito nostro e degli staff che si sono avvicendati in panchina. Maran, ad esempio: è frutto di una scelta in una lista di cinque papabili. Ecco, noi lo abbiamo preferito ad altri e lui di suo ci ha messo il lavoro, peraltro ottimo. Così la squadra è diventata competitiva. Speriamo che non ci colpisca di nuovo la malasorte…”.


Il sarcasmo di Pulvirenti è intatto e il suo essere focoso nelle parole, se possibile, diminuito. Il Napoli, allora. Mazzarri, che lei ben conosce avendolo avuto alla sua prima panchina, non ha ancora rinnovato col club. C’è chi sostiene che ciò abbia danneggiato il percorso della squadra, altri sono certi del contrario.
“Walter non commetterebbe mai l’errore di fare danno o intralciare il cammino dei suoi calciatori. È un professionista con i fiocchi. Andrà via? Questo non lo so, tuttavia, e parlo in generale, non di Mazzarri, se si avverte che un ciclo si stia chiudendo è meglio passare la mano. Ci può stare che un’esperienza di lavoro giunga al capolinea, personalmente non mi scandalizza”.


Cavani è in crisi, non segna.
“Falso problema. Capita. Scommetto, e l’ho fatto con Gianni Marigliano (in palio c’è un vestito) il mio amico sarto tifosissimo del Napoli, che Cavani riprenderà a far gol già contro il Chievo”.


Vogliamo parlare un po’ di calcio, di governo dello stesso e delle nuove nomine all’interno di Lega e Figc che l’hanno vista tra gli eletti?
“Partiamo da un dato innegabile: il calcio dà una visibilità enorme e consente di lanciare segnali molto forti. C’è chi sfrutta questa possibilità, chi no, chi vorrebbe ma non sa come. Io credo che noi dobbiamo dare l’esempio e comportarci bene in campo, e soprattutto fuori. Sono tra gli eletti in Lega e sono consigliere federale perché ho contribuito allo sviluppo del calcio con innovazioni e infrastrutture, come il centro di Torre del Grifo a Mascalucia, giudicato tra i migliori d’Europa. Insomma, siamo credibili e siamo cresciuti. Per di più non siamo coinvolti in scandali, che so? Moggiopoli o altro. La mia nomina è il riconoscimento a un club virtuoso”.


Scusi l’insistenza, ma questo clima nuovo riguarda anche il campionato, che magari potrebbe cambiare padrone da qui a fine maggio?
“Il Napoli non mollerà la presa. Ce ne accorgeremo tutti già domani. Conosco De Laurentiis e conosco Mazzarri, la squadra è a loro immagine e somiglianza: irriducibile e alla ricerca sempre di migliorarsi. Questi non lasciano facilmente la presa, la Juve lo sa bene”.

Fonte: Il Mattino

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl