shinystat spazio napoli calcio news San Paolo: ancora interventi per il manto erboso

San Paolo: ancora interventi per il manto erboso


sanpaoloerbaZeman e Mazzarri su un punto sono stati perfettamente d’accordo: il terreno di gioco del San Paolo non era in buone condizioni. L’affondo del boemo è stato persino più aspro: “Già è una fortuna che nessuno si è rotto un crociato”. Tornano così di nuovo d’attualità le condizioni del campo dello stadio di Fuorigrotta, finito nel mirino a inizio stagione. Troppe zolle, troppi buchi, accusano i protagonisti. Certo, dall’esterno, non sembra messo male come in occasione di uno spettrale Napoli-Fiorentina. “Ci sono stati già degli interventi durante la sosta, abbiamo inoltre ingaggiato tre tra i migliori esperti del settore in Italia. E ora a gennaio dopo la gara con il Palermo ci sono 15 giorni per poter intervenire”, rassicura il presidente De Laurentiis consapevole del problema.
Mazzarri su questo aspetto appare seriamente preoccupato: “Per il gioco che facciamo siamo danneggiati. Col Bologna per esempio abbiamo pagato molto le condizioni del terreno di gioco”. A settembre il campo era stato completamente rizollato dopo una semina parziale che però non aveva dato i frutti sperati. Non si è mai capito esattamente cosa è successo ad agosto: c’è chi ha parlato di un virus, chi di un fungo e chi invece ha fatto esplicito riferimento a un sabataggio. L’intervento dell’agronomo della Lega, Castelli, ha contribuito a risanare la situazione. Ora c’è qualche piccola crepa e l’esigenza di dover intervenire di nuovo. Il club, comunque, è convinto che entro due settimane la situazione tornerà normale.

Fonte: Il Mattino