shinystat spazio napoli calcio news Quando sono gli altri a parlare di ciò che accade in casa tua

Quando sono gli altri a parlare di ciò che accade in casa tua


napoli_milan_edinson_cavani_1Le brutte abitudini non cambiano mai, in ogni momento della stagione. Anche nei primi giorni del nuovo anno, determinate dichiarazioni andrebbero approfondite per comprendere la reale natura di ciò a cui si vuol puntare, per carpirne intenzioni o secondi fini, per decifrare colui che queste parole sta strumentalizzando per chissà quale scopo. E’ il caso del direttore di Milan Channel Mauro Suma, che dall’alto del suo ruolo nella televisione di partito, si sente evidentemente un guru di mercato, il profeta degli affari del futuro, il mago Oronzo del pallone diremmo noi. Tutto ciò scaturisce dalle seguenti dichiarazioni attraverso il suo editoriale sulle pagine di Tuttomercato.web: “Il Napoli che perde due volte in casa con il Bologna è l’immagine perfetta di una squadra in cui uno come Edinson Cavani non potrà giocare troppo a lungo. Mino Raiola è stato forse brutale. Il presidente De Laurentiis è uno che non si fa intimidire e avrà anche detto no ad una offerta da 55 milioni di euro. Complimenti, di cuore. Ma certe offerte, soprattutto di fronte a chiari di luna come quelli che stiamo vivendo, continuano a ronzarti attorno fino a centrare il segno. Soprattutto se arrivano dall’estero e da Club che vanno per la maggiore. Con i colpi di fulmine non si naviga nell’oro, il Napoli come altri Club dovrà fare la prossima estate quello che sta facendo il Milan. Ecco perché terrà Hamsik, che ormai ha messo radici e non riceve offerte lunari, e non potrà che aprire le porte alla partenza di Cavani. Spiace per lo splendido pubblico napoletano, se lo goda il Matador finchè può, ma non si innamori troppo. Perché il destino sembra segnato“.

Ora, premesso che ci possano essere i presupposti di cui si parla, che Cavani potrebbe pensare di andar via, non riusciamo a comprendere come si possa impostare un editoriale  su delle sensazioni e renderle “imponenti” senza pensare di dover avere delle credenziali, o quantomeno delle effettive prove volte a confermare le proprie affermazioni. Si tratta dell’ennesimo caso di giornalismo votato a minare gli ambienti già debilitati delle formazioni che malauguratamente vengono coinvolte per qualsivoglia giocatore. Che senso ha? quali sono gli obiettivi di tali affermazioni? siamo sicuri, senza mezzi termini, che le notizie, oppure come in questo caso, le sensazioni, vadano pesate e rese inermi con premesse e toni rivolti ad evidenziare il fatto che si tratti di proprie idee. Bisogna avvertire i tifosi di non cadere nella trappola che alcuni giornalisti, oltretutto lontani dal mondo dei giocatori azzurri, vogliono predisporre per alimentare dissapori costruendo alibi di proteste in momenti della stagioni totalmente in discordanza con le reali tempistiche di una critica costruttiva. Parlare di Cavani che lascerà Napoli ad inizio Gennaio non può non essere un tentativo incomprensibile di mettere malumori in una squadra che ha bisogno di certezze. Per coloro i quali tenteranno questa strada, siete pregati di trovare notizie altrove, gli azzurri hanno bisogno di costruire le basi per tentare una rimonta, per il resto non interessano idee trasformate in tentativi di convincere una tifoseria di rassegnarsi e dire addio alla proprio giocatore-simbolo, sulla base di chissà quali certezze, poi, non è dato sapere. 

Ecco l’articolo completo http://www.tuttomercatoweb.com/?action=read&id=411927