Mazzarri: "Ho voglia di scrivere un libro. Sono un uomo che non molla mai, in campo do i numeri perchè..."

Mazzarri:

mazzarriIl tecnico del Napoli Walter Mazzarri ha rilasciato una lunga intervista al Corriere del Mezzogiorno. Il tecnico toscano ha toccato molti punti della sua carriera da allenatore. Ha dichiarato anche di voler scrivere un libro dove raccoglierebbe tutte le sue esperienze, per poi parlare della scaramanzia dell'orologio che gli fa ricordare il miracolo Reggina. Ecco l'intervista:

Il tempo, dunque. Mister, perdoni la curiosità: che orologio è quello su cui si accanisce? «È un Franck Müller simile a quello che mi regalò il presidente della Reggina, quando per una penalizzazione partimmo da meno quindici, poi diventati meno undici, e riuscimmo a piazzarci al decimo posto. L'ho ricomprato e ora lo indosso prima di ogni partita. Di solito mi porta bene, e sa com'è? Non credo in certi rituali, ma ripeterli non costa nulla».

Non si giustifichi, anche gli illuministi napoletani credevano nell'uomo con la gobba, nello «scartellato», era comunque un modo per mondanizzare il destino, per portarlo dal cielo alla terra. Ma torniamo all'orologio. Perché lo agita così spesso? «Come è ovvio, chiedo all'arbitro, al quarto uomo, la tutela del tempo. Ma in realtà ricordo ai miei uomini in campo che non voglio vederli rassegnati, che la mia squadra non si arrende mai, anche se è sotto di tre reti, perché è meglio perdere tre a uno che tre a zero. E non le dico quanto mi sono arrabbiato dopo la prima sconfitta con il Bologna».

Il tempo come opportunità e mai come ossessione: per lei è sempre stato così? «Io non mollo mai. Sono dieci stagioni che non mollo e non ho mai fallito. Ho cominciato con la C2 e ora sono qua».

E domani? «Prima o poi scrivo quel libro che ho in mente da tanto tempo. Ho tre o quattro cose da dire».

Ne anticipi qualcuna. «Direttore, dia tempo al tempo».

Mister, faccio mia la sua lezione: non mollo. ( Ride, il ghiaccio è rotto). «Be', allora posso dirle che dedicherei volentieri un intero capitolo ad Hamsik, è un bravo ragazzo, la sua è una bellissima storia ed è un giocatore straordinario».

Gli perdona tutto, anche la cresta? «Insomma, il suo punto debole non è quello. E poi gliel'ho vista crescere. Semmai, e nello spogliatoio glielo dico spesso, in campo dovrebbe essere più cattivo. Come Seedorf, per capirci».

(Mazzarri insiste su Hamsik anche quando, terminata l'intervista, Abate gli chiede il nome del giocatore ideale per un allenatore, convinto che avrebbe fatto, storicamente parlando, quello di Van Basten). Mister, quando tempo occorre per fare un gol? «In teoria, una manciata di secondi: dieci, forse addirittura otto. Un lancio sulla fascia, un colpo di testa al centro e l'incursione dell'attaccante».

E in pratica? «Non c'è differenza. Per me teoria e prassi devo tendere a coincidere. Il calcio non è una scienza esatta, ma più si avvicina meglio è. Nulla può essere lasciato al caso».

È per questo che rimprovera la squadra anche quando dopo un gol indugia ad esultare? E tutto questo a Napoli, dove l'esultanza è sacra? «Che dubbio c'è. Dopo un gol, l'avversario è ferito, bisogna approfittarne per chiudere la partita. Chiamatelo pure cinismo, se volete. Ma io amo la tattica, non il tatticismo. In campo si sta per giocare, non per perdere tempo.

Lei sa cos'è il tempo di gioco? Io tendo ad ottimizzare il tempo di gioco».

Vale a dire? «Il tempo di gioco è quello realmente e consapevolmente giocato. In serie B, ad esempio, non è lo stesso della serie A. Le partite durano sempre novanta minuti, ma in serie A si gioca di più, perché il lancio è più potente, lo stop più preciso, la conclusione in rete più rapida. Se il calcio è potente, il pallone viaggia ad una velocità più alta; se lo stop è preciso, basta un solo tocco per ricevere e trattenere la palla. È tutto tempo che si guadagna. Così la tecnica cede tempo alla tattica e accorcia gli spazi in campo. Più tecnica, più tattica. Più tecnica, più velocità. Così la tecnica individuale diventa potenzialità tattica collettiva. E così si può reinventare la difesa a tre, ad esempio. Dia qua carta e penna, gliela mostro».

Si accomodi. «Vede? Due, Quattro, Sette, Nove: questa è la squadra in campo. Ora, come è stato notato, dopo il fischio di inizio tutte le mie partite cominciano con un passaggio all'indietro. Due riceve, scende sulla fascia destra e lancia a Quattro, che di prima passa al centro, dove ci sono Sette o Nove, Pandev o Cavani. Analogamente, per la "palla incrociata"».

Prego? «Faccia attenzione. Vede? Due riceve e scende, ma mentre la squadra si dispone come prima, trascinandosi dietro l'avversario, questa volta taglia il campo e lancia su Undici, che sta sul lato opposto, sulla sinistra»

E funziona? «Con la Reggina ha funzionato alla perfezione. Io gridavo: "Due, Quattro, Sette" e Lanzaro, Vigiani e Amoruso eseguivano: dodici vittorie, cinquantuno punti in classifica, un miracolo».

Dunque lei in campo dà i numeri? Ancora oggi? (Ride per la seconda volta, non male per uno che passa per antipatico). «Sì, in effetti do i numeri».

E sono quelli delle magliette? «Ovviamente no, per comodità utilizzo dall'uno all'undici. Sono numeri ideali».

E perché di recente il meccanismo sembra essersi inceppato? «Perché nel frattempo gli altri hanno capito l'antifona e si sono attrezzati. Nei miei schemi, però, ogni giocatore ha almeno quattro varianti possibili, determinate appunto dalla disposizione in campo dell'avversario».

E ogni variante, che a sua volta immagino ne generi altre, suppongo vada imparata a memoria ed eseguita meccanicamente? «Naturalmente sì. È per questo che il calcio professionistico implica disciplina, rigore, dedizione assoluta: in campo e fuori. Un buon professionista non può arrivare in ritardo all'allenamento, non può strafare a tavola, non può avere una vita sregolata o un carattere impossibile. Così si perde tempo. E ne ho conosciuti io di campioni che hanno perso tempo!».

Nomi? «Lasciamo stare, ma uno di questi, avversario in campo, di recente si è avvicinato alla panchina ed è venuto ad abbracciarmi, lo hanno visto tutti. L'ho avuto in squadra anni fa, a stargli dietro rischiavo di impazzire».

Non per difendere Cassano o chi per lui, ma ad esser sinceri si potrebbe impazzire anche a stare dietro a lei e ai suoi numeri, non crede? Per dirla con Totò, sembrerebbe che lei preferisca i caporali agli uomini. O, per dirla invece con il filosofo Masullo, l'Automa all'Anima. (Ride ancora, ma meno di prima). «Mettiamola così. Se io giocassi con le sagome della Playstation programmate secondo i miei schemi , vincerei di sicuro tutte le partite. Ma mi sta bene così. Preferisco la vita vera alla virtualità, la dura realtà al facile sogno».

Dunque, non tutto è geometricamente prevedibile e logicamente eseguibile. È questo che impedisce al calcio di realizzarsi scientificamente? «Attenzione. Io posso, voglio e devo prevedere fino a venti metri dalla porta avversaria. Ma lì, in quei venti metri, si scatenano le forze dell'ignoto: la casualità, gli eventi, il genio degli attaccanti. Si dice che l'allenatore governi fino ai trequarti del campo e che poi determinante sia il presidente».

Si può dire, allora, che lei preferisce il giocatore intelligente a quello esclusivamente tecnico-dotato? «Mi scusi, direttore, ma la domanda è mal posta. Cosa si intende per giocatore intelligente? Per me tecnica e visione di gioco, creatività e rispetto delle varianti di uno schema, vita e gioco sono un'unica cosa. Ed è per questo che scriverei quel capitolo su Marek Hamsik, proprio per spiegare questo concetto».

E tuttavia, le sue valutazioni sui giocatori talvolta mutano. C'è un tempo, ad esempio, in cui preferisce Dossena, veloce sulla fascia e preciso nell'assist di prima. E un altro in cui sceglie invece Zuniga, tecnicamente superdotato, un giocoliere. Cosa pensa quando Zuniga, a dispetto di tutte le sue teorie sul tempo, dribbla, dribbla e ancora dribbla? «Dossena-Zuniga, l'eterno dilemma. In realtà, con il primo abbiamo sfondato grazie alla difesa a tre, mentre con il secondo abbiamo rotto lo schema quando l'avversario ha tentato di neutralizzarlo».

Nella sua visione olistica del calcio tutto si tiene, giusto? Teoria e prassi, tecnica e tattica, schema e anti-schema, vita e sport-spettacolo. «Per molti versi sì, ma su un punto in particolare direi proprio di no. Io, ad esempio, non rinuncio alla mia vita privata, non amo apparire in televisione e se vado a Coverciano, all'università del calcio, preferisco ascoltare anziché parlare. Non vorrei spararla grossa, ma mi creda: preferisco essere, piuttosto che apparire».

Messa così, tra Heidegger e Pirandello, in effetti la sua è un'affermazione alquanto smarginata. «Mi spiego. Ad un certo punto della mia vita ho deciso di tagliare i capelli: vede? Ora li ho corti, ma quando ero giovane li portavo lunghi fino alle spalle e mi dicevano che ero un "fighetto", che ero frivolo. Frivolo un tubo! Ho cominciato a guadagnare quando gli altri pensavano solo a divertirsi, e a investite in borsa quando per gli altri c'erano solo le donne. Sarà che allora le donne mi venivano a cercare ("Signora, mi scusi, sa", rivolto a Monica Scozzafava), ma io, poi, i capelli li ho tagliati non per apparire diverso, o per un fatto estetico. No, io li ho tagliati perché a cinquanta anni non era più il caso di portarli così».

Il tempo passa per tutti, anche per lei: è questo che vuole dire? «Già. L'importante è saperlo vivere».

E lei continuerà ancora per molto a viverlo in modo così totalizzante, così competitivo? «Ci voglio pensare, ci devo pensare. Ho dedicato il 95% della mia vita al calcio e ciò nonostante ho un bel rapporto con mia moglie e con mio figlio. Ora devo prendermi il tempo per pensare un po'».

Non per indurla a restare in campo, ma si ricordi che la competizione è comunque una forma di socializzazione: per competere bisogna essere almeno in due. «Ah, questa è buona, grazie».

Auguri, Mazzarri. Buon 2013. Auguri a tutti i lettori.

Siamo su Google News: tutte le news sul Napoli Calcio CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram