I "silenzi" di Mazzarri "parlano" chiaro

I

653x216_158636738eeb98d9Messaggi velati, non detti, nè riferiti. Walter è fatto così, non glielo rimarcate nuovamente. Ai media non sta bene che lui vada via senza rilasciare interviste, mandando l'allenatore in seconda Frustalupi, allievo e portavoce del suo verbo, ma è bene farci il callo, abituarsi alle "mazzarriate" post-partita. Non può certo essere una risposta plausibile quella di dare più spazio al secondo, non ne comprendiamo i motivi ne le necessità, ma conosciamo da tempi non sospetti quali sono le massime che il buon Mazzarri ha distribuito negli anni, ed in questo preciso atteggiamento è stato spesso fin troppo chiaro: "preferisco comparire quando si perde, per prendermi le critiche e salvaguardare la tranquillità emotiva della squadra". Saggio e comprensibile, questa è la versione a cui crediamo. 

Dopo una gara come quella di ieri, poi, è palese che la pressione di questi giorni, la necessità di far risultato, le sorti del match sbloccate solo nei minuti finali, hanno giocato un ruolo fondamentale sotto l'aspetto psicologico, pertanto al tecnico si possono concedere le attenuanti di uno "scarico" emotivo necessario, a concludere un anno vissuto intensamente, forse anche troppo. La voglia di scappare, di evadere dal mondo delle telecamere e delle domande pungenti hanno spinto Mazzarri a cercare la pace e quel volo che lo avrebbe portato già a casa, nella tranquillità della sua famiglia, nei gesti quotidiani capaci di placare le tensioni, di mettere ai box la macchina e concedere al motore di raffreddarsi, in vista di un Gennaio che si prospetta già ricco di elettricità.

Emblematico poi è stato il gesto di Maggio, che dopo il gol è corso ad abbracciare il tecnico, in un evidente stato di "trance sportiva", necessaria a tenere alta la concentrazione di un gruppo che trasudava paure, consapevolezza di poter crollare mentalmente e concedere i fianchi agli avversari. Christian ha chiuso in un abbraccio lo sforzo del tecnico, lo ha voluto come principale obiettivo del suo affetto, evidentemente resosi conto che Mazzarri ha dato e sta dando a questa squadra le proiezioni e gli equilibri mentali che gli appartengono, esponendosi ad uno stress eccessivo che, ad un certo punto, avrebbe bisogno di una pausa, uno stop lontano dalle luci della ribalta. Prendiamola così, non ci affanniamo a cercare risposte che non avrebbero ragione di essere, mettiamoci per una volta nei panni di un allenatore di una squadra urlata, criticata e vissuta come quella partenopea, passando da un periodo difficile come quello appena trascorso, facendo da ombrello quando piovono critiche e da paracadute quando si tratta di planare le eccessive esaltazioni del gruppo. 

Siamo su Google News: tutte le news sul Napoli Calcio CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram