Mazzarri evidenzia gli schemi dei rossoblu

Mazzarri evidenzia gli schemi dei rossoblu

Il giovedì è giornata dedicata alla "conoscenza" dell'avversario. Walter Mazzarri, solito martello, ha spiegato fino alla noia quali sono i presunti punti deboli del Bologna che ha sempre dato filo da torcere al Napoli. L'ultima sfida al "Dall'Ara", lo scorso 6 maggio, costò al Napoli la qualificazione in zona Champions. La partita di allenamento, con un'ipotetica squadra avversaria travestita da Bologna, secondo lo schema tattico di Pioli, è servita a Mazzarri per illustrare le caratteristiche dei rossoblu. L'allenatore ha dedicato molto tempo ai calci piazzati: talloni d'Achille che il Napoli nella passata stagione, la fase difensiva sembrava aver trovato equilibrio. Gli ultimi gol subìti, specie il primo a San Siro contro l'Inter, hanno riacceso la spia rossa dell'allarme. Siamo a venerdì e, a conti fatti, Mazzarri confermerà gli 11 di Milano. Gamberini, Cannavaro (se dovesse essere confermata la squalifica, per il capitano sarebbe l'ultima esibizione prima dello stop forzato) e Britos davanti a De Sanctis. Nessuna variazione a centrocampo: Mazzarri in settimana ha parlato spesso con Zuniga e Maggio, i due esterni che non attraversano un periodo di forma brillante ma che verranno riproposti. Inler-Behrami coppia centrale. Hamsik leggermente alle spalle dei due attaccanti rappresenta la conferma del 3-4-1-2, al massimo 3-4-3 se lo slovacco dovesse allinearsi ai due bomber. Insigne partner di Cavani non si discute: in soffitta per il momento il progetto di un tridente con Pandev dall'inizio. A partita in corso, chissà.

Fonte: Il Mattino

Siamo su Google News: tutte le news sul Napoli Calcio CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram