Ricorso beffa, a rischio i sedicesimi in casa

Ricorso beffa, a rischio i sedicesimi in casa

La Commissione d’Appello dell’Uefa ha rigettato il ricorso proposto dal Napoli in merito al provvedimento della Disciplinare dello scorso 26 ottobre. In quella occasione, dopo la gara con l’Aik Solna, l’organismo di controllo internazionale, oltre a comminare una multa di 150.000 euro, aveva condannato il Napoli a giocare una gara a porte chiuse. Questa sanzione accessoria, soggetta ad un periodo di prova di cinque anni, era stata però sospesa grazie al decisivo intervento della società azzurra, che era riuscita ad eliminare i rischi derivanti dagli intonaci pericolanti dell’impianto di Fuorigrotta, ed ottenere dall’Uefa l’autorizzazione ad aprire tutti i varchi d’ingresso del San Paolo per giocare contro il Dnipro. Alla discussione del ricorso, tenutasi ieri mattina a Nyon, era presente l’avvocato Mattia Grassani.

Intransigenti i giudici della Commissione d’Appello dell’Uefa che hanno respinto le tesi difensive formulate dal legale di fiducia del Napoli dopo oltre due ore di dibattimento. La squadra di Mazzarri a questo punto corre il serio rischio di dover giocare a porte chiuse la gara di andata dei sedicesimi di finale di Europa League in programma il 14 febbraio 2013 al San Paolo. Pende infatti come un macigno il procedimento già avviato dalla Commissione Disciplinare e di Controllo dell’Uefa nei confronti del Napoli a seguito del comportamento tenuto dai suoi tifosi anche in occasione della gara di Europa League disputata contro il Dnipro lo scorso 8 novembre (reiterata introduzione ed accensione di fumogeni, ed occupazione indebita delle scale di fuga), e per aver nuovamente rilevato, i puntigliosi delegati dell’Uefa nello stilare i rapporti dopo la gara con gli ucraini, la presenza di altri intonaci pericolanti in alcuni settori del San Paolo.
In considerazione dell’esito negativo dell’appello proposto dal Napoli, sarebbe stato opportuno che il provvedimento della Disciplinare dell’Uefa fosse già stato reso pubblico. In questo caso, se ulteriormente punito, il Napoli avrebbe potuto scontare con il Psv Eindhoven la condanna a giocare una partita a porte chiuse. Invece dopodomani, nella ininfluente ultima gara del girone di qualificazione di Europa League contro gli olandesi, si giocherà al San Paolo (ore 19) regolarmente con la presenza del pubblico, mentre c’è seria preoccupazione in casa azzurra per quello che potrà accadere in vista dell’importante sfida di andata dei sedicesimi di Europa League.

Fonte: Il Mattino

Siamo su Google News: tutte le news sul Napoli Calcio CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram