shinystat spazio napoli calcio news Un fastidio chiamato Europa League

Un fastidio chiamato Europa League

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Tre gol, un’altra disfatta che dovrebbe far arrossire Mazzarri e le sue riserve. L’intenso turnover applicato fin dalla prima partita con gli svedesi dell’Aik, al di là dei quattro gol segnati, ha svelato le chiare intenzioni degli azzurri: un fastidio queste puntate all’estero, prima finiscono e meglio è. Troppi cambi dal campionato all’Europa League producono questi effetti. D’altra parte, non è come aveva detto il tecnico: non ha due squadre di titolari, ma al gruppo dei noti ”titolarissimi” si sono aggiunti alcuni giocatori utili, tuttavia non straordinari.

Dopo appena 68” il Napoli si è trovato in svantaggio contro il Dnipro. Solita scena, soliti errori: gol di Fedetskiy sugli sviluppi di un calcio piazzato. Cambiano i protagonisti, non si elimina il difetto delle clamorose leggerezze in area: sabato a Torino ne aveva approfittato Caceres per portare la Juve in vantaggio. Ampi e insopportabili spazi per gli ucraini. Nella ripresa sono entrati Pandev e Cavani: palo e rigore del Matador, non è bastato. La qualificazione ai sedicesimi di Europa League non è sfumata: secondo posto ancora possibile.

Domenica si torna al campionato: arriva al San Paolo il Chievo, che ha spesso regalato dispiaceri agli azzurri, e mercoledì 31 ci sarà la trasferta a Bergamo. Intanto oggi, al rientro dall’Ucraina, il Napoli troverà le lettere dei deferimenti della Procura federale. Per il grave e maldestro tentativo di combine, peraltro mai attuato, del terzo portiere Gianello nell’ultima partita del campionato 2009-2010, il club rischia una penalizzazione, seppure minima. Responsabilità oggettiva. Napoli responsabile di avere tra i suoi tesserati Gianello, che era stato emarginato da Mazzarri, frequentava la squadra solo poche ore al giorno per gli allenamenti e vedeva le partite in tv. Sarebbe giustizia questa?

Fonte: Il mattino

Preferenze privacy