shinystat spazio napoli calcio news Carmignani, ex Napoli e Juve: "Credo nel buon senso di Prandelli"

Carmignani, ex Napoli e Juve: “Credo nel buon senso di Prandelli”


Arrivò a Napoli per sostituire un mito del calcio, quel Dino Zoff che approdò a Torino proprio al suo posto, in uno scambio di portieri tra due delle società che in quegli anni saranno artefici di sfide memorabili.

Pietro Carmignani, vincitore di uno scudetto con la Signora e di una Coppa Italia con gli azzurri, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Tuttomercatoweb evidenziando il suo punto di vista in merito alla gara gli azzurri e i bianconeri: “La sfida di Torino tra Juve e Napoli secondo me sarà molto equilibrata. Non riesco ad indicare una squadra che possa essere favorita rispetto all’altra. Le nazionali riguardano entrambi i club e non credo possa condizionare più di tanto la sfida, anche perchè siamo all’inizio della stagione ed i giocatori sono al top. Sicuramente ci sono lunghi viaggi da fare, soprattutto per i sudamericani, ma in caso di vittoria sono convinto torneranno ancora con maggiore carica. Le polemiche di questi giorni credo siano inutili. E’ troppo facile pensare male, io però credo che Prandelli possa essere una garanzia. Userà sicuramente il buon senso se sarà possibile, ma senza alcun favoritismo. Ad ogni modo sono cose sottili, è difficile entrare nella vicenda non vedendo i dettagli degli allenamenti“.

E’ difficile indicare un favorito anche per il campionato?
Credo di sì. Anche perchè non si può dire con certezza che la Champions possa disturbare la Juventus. Alcune squadre giocando più impegni, pur sprecando maggiori energie, trovano compattezza e motivazioni. Il Napoli giocherà l’Europa League con le seconde linee ed è un aspetto positivo per il campionato, ma bisognerà vedere le mentalità delle squadre. La Juve è abituata a vincere, il Napoli deve dimostrare di essere maturato“.

In caso di equilibrio spesso a decidere sono i colpi dei singoli, può indicare due giocatori che potranno decidere la sfida?
Non voglio fare i soliti nomi di Cavani, Vucinic o Hamsik. Dico Marchisio da una parte e Pandev dall’altra. Quest’ultimo è a tutti gli effetti un top player ed ha i colpi per risolvere la partita“.