shinystat spazio napoli calcio news Mazzarri a Premium: "Squadra più matura, Hamsik un leader. Sfida con la Juve? Partiamo sfavoriti"

Mazzarri a Premium: “Squadra più matura, Hamsik un leader. Sfida con la Juve? Partiamo sfavoriti”


Walter Mazzarri è intervenuto ai microfoni di Mediaset Premium al termine del match vinto contro l’Udinese per 2-1. Queste le sue dichiarazioni, sottolineate da SpazioNapoli:

“Abbiamo sofferto contro una signora squadra e ben organizzata. Questo però da ancora più valore alla nostra vittoria, contro una squadra che secondo me fuori casa si esprime meglio di quanto faccia tra le mura amiche. Juve – Napoli? Una partita importantissima su un campo in cui è quasi impossibile fare risultato. Partiamo sfavoriti, ma cercheremo di fare il meglio che possiamo fare.

E’ un Napoli che è cresciuto molto, mi ricordo che sono arrivato tre anni fa e ad ogni anno dopo 7 gare abbiamo sempre migliorato i nostri punti. Il rigore? Si, per quello che ho visto c’era ma l’arbitro non l’ha fischiato. Oltretutto è stata data un’ammonizione ad Hamsik che può essere pesante.

La vittoria della Juve di oggi? Potrebbe condizionare, ma dico sempre ai ragazzi di andare per la nostra strada guardando solo a noi stessi e dando sempre il massimo. Mai confrontarsi con nessuno, pensare solo a noi e pensare a migliorare. Europa League? Queste partite, anche perdendole, servono agli Insigne, ai Vargas per migliorarsi: i frutti di queste partite sono convinto che si vedranno in futuro. Poi l’anno scorso per fare scelte diverse abbiamo perso punti in campionato, quindi l’esperienza insegna ed abbiamo optato per una strategia differente.

La Juve con lo Shakthar? Innanzitutto lo Shakthar mi è sembrata una grande squadra e quindi credo ci sia grosso merito loro se la Juve è stata messa in difficoltà. Non guarderemo comunque solo a loro, vedremo come mettere in difficoltà la Juve. Queste partite l’anno scorso non l’avremmo vinte, lo stesso Hamsik è cresciuto molto, è diventato un uomo squadra. Ma tutto il team è cresciuto, è diventato più maturo e sa quando colpire”.