shinystat spazio napoli calcio news La rinascita di Gamberini, l'ennesimo miracolato della "Cura Mazzarri"...

La rinascita di Gamberini, l’ennesimo miracolato della “Cura Mazzarri”…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Se la difesa del Napoli è la meno perforata di questi primi sei turni di campionato lo si deve alla partenza sprint della vecchia guardia (Cannavaro, Campagnaro e Aronica) e alla rinascita calcistica di Miguel Angel Britos , che prima d’infortunarsi aveva iniziato a convincere allenatore e tifosi.

GAMBERINI, CHE SORPRESA!–  Ma se il reparto arretrato azzurro fornisce tali garanzie è anche grazie ad un nuovo innesto inizialmente un po’sottovalutato: quello di Alessandro Gamberini. Il roccioso centrale è reduce da un vero e proprio annus horribilis con la maglia della Fiorentina (di cui era anche capitano). Per il trentunenne bolognese la scorsa stagione è stata una via crucis calcistica, con la compagine toscana che metteva in scena il peggior calcio dell’intera Serie A e la piazza viola che non lesinava alla squadra e allo stesso Gamberini critiche e fischi. Ma dopo appena un paio di mesi dall’approdo al Napoli, il “gambero” (come lo chiamavano a Firenze fin dai tempi di Prandelli, quando ancora vantava un discreto credito nei confronti della gente del “Franchi”) sembra già aver ritrovato lo smalto dei tempi migliori risultando tra i più brillanti in queste sue prime uscite in maglia azzurra. Anche ieri, in quel di Marassi, il numero 55 partenopeo ha interagito con Cannavaro e Campagnaro come se giocasse insieme a loro da una vita, riuscendo inoltre a conferire alla difesa azzurra un tocco di esperienza e di tranquillità in più.

IL MAGO WALTER-  Ormai non fa neanche più notizia, Walter Mazzarri con Gamberini riesce a recuperare fisicamente e psicologicamente l’ennesimo calciatore su cui chiunque altro non avrebbe più scommesso un soldo bucato. La lista inizia ormai ad essere sostanziosa: Paolo Cannavaro, Gianluca Grava, Totò Aronica e Michele Pazienza (questi ultimi due fino all’arrivo del tecnico toscano a Napoli praticamente riscuotevano la pensione) furono i primi beneficiari della nuova “cura” dell’ ex coach di Samp e Reggina. Poi fu il turno di Christian Maggio, che con Mazzarri ritrovò la brillantezza degli anni in blucerchiato fino a diventare tra i migliori esterni destri che ci sono ancora oggi in circolazione. Ma il vero capolavoro Mazzarriano è visibile tutte le domeniche sulla fascia sinistra azzurra: Juan Camilo Zuniga. Il colombiano fu prelevato quattro stagioni or sono per 9 milioni d’euro dal Siena e l’inizio della sua avventura napoletana (complice anche un fastidioso infortunio) fu a dir poco imbarazzante: ovvero, per i tifosi azzurri Zuniga aveva cominciato ad assumere tutte le tipiche sembianze del “pacco”, o del “bidone” se preferite. Ebbene, il “Mago Walter”, allenamento dopo allenamento, con uno dei suoi incantesimi l’ha trasformato da brutto anatroccolo in cigno, rendendolo uno dei fluidificanti più validi e duttili d’Europa.

Solo con Quagliarella non ci fu niente da fare, ma forse non si poteva aiutare chi non voleva essere aiutato…

Marco Soffitto

Preferenze privacy