shinystat spazio napoli calcio news Alemao: "La Sampdoria è un osso duro, Il Napoli deve stare attento. Cavani?E' fenomenale"

Alemao: “La Sampdoria è un osso duro, Il Napoli deve stare attento. Cavani?E’ fenomenale”


Riccardo Rogeiro de Brito, o meglio Alemao, ex calciatore del Napoli “di Maradona”, ha rilasciato un’intervista al Mattino. Questo è quanto messo in evidenza da SpazioNapoli.it:

Segue sempre la serie A e il Napoli?
“Ovvio. Lì ho vissuto dei momenti assolutamente indimenticabili. Ho vinto una Coppa Uefa e uno scudetto in una città unica al mondo, che vive di calcio dal lunedì alla domenica. Senza pause“.
Oggi il Napoli affronta la Sampdoria di Ciro Ferrara
Sulla carta non c’è partita, è enorme il divario tecnico tra le due formazioni. Ma se la Sampdoria ha il carattere e lo spirito di Ciro, sarà un osso davvero duro”.
Si aspettava che Ferrara diventasse allenatore?
“Di quel gruppo in pochi hanno poi seguito la carriera di tecnico. Io lo ricordo come un ragazzo serio, simpatico, con una enorme voglia di imparare. Anche quando arrivò in Nazionale non smise mai di chiedere consiglio: è un amico, l’ho rivisto alla sua gara d’addio, sembra sempre un giovanotto”.
E dai tempi del Napoli di Alemao che qui non si vince lo scudetto…
“Non è mai stato il Napoli di Alemao, semmai quello di Maradona. Quando hai la fortuna di giocare al fianco di uno come lui, deve sempre fare un passo indietro”.
Come allora, la rivale è sempre la Juventus.
“Ho vinto uno scudetto e una Coppa Uefa. Ricordo come se fosse ieri la notte magica di Stoccarda e il pomeriggio in cui battemmo la Lazio all’ultima giornata di campionato. Eppure quel 3-0 al San Paolo contro i bianconeri, nei quarti di finale della Uefa, è una emozione che mi fa venire ancora i brividi”.
Anche più del secondo scudetto?
“Due sensazioni assai diverse. Battere la Juventus per Napoli e i napoletani è stato sempre qualcosa di particolare. E noi l’abbiamo sempre avvertito”.
Le dà fastidio essere ricordato come ”quello della monetina”?
“Quello che proprio non sopporto è che in molti continuino a pensare che io abbia fatto finta di essere stato colpito. Non è vero. Né Carmando né Maradona mi dissero di buttarmi a terra. Sono contento che i tifosi dell’Atalanta, con cui poi ho giocato, mi hanno creduto”.
Cosa hanno in comune questo Napoli con quel Napoli?
“La solidità del progetto tecnico e la compattezza della società”.
Pochi innesti ogni anno sono una fortuna?
“Andate indietro con la memoria: ogni estate Ferlaino non cambiava mai più di uno o due titolari. Nessuna rivoluzione e tanta continuità: anche quando cambiammo allenatore (da Bianchi a Bigon, ndr) rimase immutato il dna della squadra”.
È Cavani il Maradona di questo Napoli?
“È uno di quegli attaccanti che fanno la differenza. In certi momenti è davvero fenomenale, poi quando gioca con l’Uruguay sembra spesso un altro giocatore. Evidentemente Mazzarri e il suo modulo sono per lui fondamentali”.
Con De Laurentiis ha avuto mai contatti?
“No. In passato il Napoli mi chiese qualche consiglio per qualche buon brasiliano che seguivo, come Nilmar e Dodò. Ma parliamo di una decina di anni fa. Poi adesso non faccio più l’agente, ma l’allenatore. Mi diverte di più”.
Racconti la svolta.
“Nel 2007 mi chiamarono degli amici, nel Tupynambas. L’ultima esperienza alla guida tecnica del Central de Caruaru. Ora sono senza squadra. Se in Italia c’è un posto libero vengo volentieri”.

Fonte: Il Mattino



ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl