shinystat spazio napoli calcio news Inler racconta Napoli: "Qui il calcio è vita"

Inler racconta Napoli: “Qui il calcio è vita”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Gokhan, “il barbaro partenopeo”, nell’ambito di un’intervista rilasciata ad alcuni giornali austriaci, ha parlato della squadra, ma ha anche illustrato come vive e recepisce Napoli e la cornice che la racchiude: A Napoli il calcio è vita. La gente fa tutto per il calcio. Per cui mi sono subito sentito a mio agio qui. Napoli è viva. Rispetto a Udine o la Svizzera c’è una grande differenza.
Napoli vive ogni minuto intensamente e dinamicamente, ma per me non rappresenta un problema.
E poi, quello italiano, è uno dei migliori campionati al
mondo.”

DALLA SVIZZERA A NAPOLI, PASSANDO PER UDINE: “Ho vinto due campionati in Svizzera e poi ho voluto fare il passo successivo. Ho scelto l’Udinese che promuove i giovani giocatori. La scorsa estate, ho voluto fare il passo successivo della mia carriera. Il Napoli si era qualificato per la Champions League. È sempre stato il mio sogno di giocare in questa competizione. Se vuoi vincere si deve combattere e il club ha fatto grandi sforzi per me. L’allenatore e il presidente mi hanno voluto fortemente. È per questo che ho scelto Napoli”.

LA SUA INDIMENTICABILE PRESENTAZIONE: “La mia avventura a Napoli è iniziata con la presentazione show con la maschera da leone. Il presidente pensava a come avrebbe potuto presentarmi in modo originale. Poi d’un tratto è apparso con la maschera e ha detto: “E’ questo!“. Io non sono il tipo da tali azioni ma lui era così entusiasta all’idea”.

IL SUO RAPPORTO CON NAPOLI: I giocatori qui sono stelle assolute. Se faccio il mio lavoro in campo bene i tifosi sono felici. Anche fuori dal campo ho un ottimo rapporto con i tifosi. Vorrei fare a ciascuno di loro un autografo, ma la quantità di persone… Interagisco sul mio sito e su Fb con i tifosi, non posso rispondere a tutti. È difficile uscire o andare a cena fuori, siamo immediatamente circondati da fan. Quindi, io sono più cauto”.

LA NAPOLI PIù AMATA DA GOKHAN: “Il Vesuvio. La vista è fantastica: Pompei da un lato, Napoli dall’altro. La Reggia di Caserta mi piace molto. A Napoli e dintorni, c’è sempre qualcosa da ammirare. Napoli non è solo bella, ma anche una città molto difficile . Tuttavia, noi calciatori siamo concentrati sul calcio e con i vantaggi e gli svantaggi della città dobbiamo conviverci, come fanno tutti gli altri cittadini napoletani”.

L’ANNATA TRASCORSA: “Per me stata una stagione molto intensa. In campionato, non siamo riusciti a conquistare il posto utile per accedere alla Champions League, purtroppo, ma con la Coppa Italia si è finito in modo degno. Per me è stato un buon anno con un sacco di esperienze positive. La vittoria di Coppa Italia con il Napoli è stata speciale. 22 anni dopo l’era Maradona”.

IL SOGNO SCUDETTO: “Non voglio parlare del titolo, non ci resta che giocare le nostre partite. Abbiamo una squadra molto buona e con esperienza. Noi crediamo nella nostra forza”.

Fonte: Ballestrerer

Preferenze privacy