shinystat spazio napoli calcio news Insigne, Sconcerti e la solita Italia

Insigne, Sconcerti e la solita Italia

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

“Siamo fatti così, siamo proprio fatti così”, così il ritornello di una vecchia canzone di Cristina D’Avena. Oggi questa strofa ingenua mi è ritornata alla mente dopo aver letto delle dichiarazioni di Sconcerti, uno dei fari del giornalismo italiano, sui giovani e la Nazionale.

Esprimendo le sue osservazioni in merito alla prestazione dell’Italia contro Malta, giudicata brutta (come dargli torto), l’ex grande direttore del Corriere dello Sport e attuale commentatore delle pagine sportive del Corriere della Sera, ha ribadito la stima nei confronti dei giovani talenti italiani, tra tutti Insigne, Osvaldo e Destro.
Ma ha aggiunto dell’altro, e quest’altro dà ragione del titolo. Sconcerti ha invocato un utilizzo “parsimonioso” dei nuovi arrivati, perché non tocca a loro dare un’organizzazione che spetta invece ad altri.
E si ripete anche nel calcio la solita storia, il peccato ormai non più originale della classe dirigente italiana: resistere, resistere, resistere sempre. Prima si invoca lo svecchiamento, poi si predica calma; i giovani sono giovani e hanno tempo, e nel frattempo che aspettano il loro tempo finiscono con il non avere più tempo.

Politica, dirigenza, professioni, l’età si arrocca nella sua cittadella e si tiene stretto il potere. Invoca il cambiamento, ma quando il nuovo minaccia di avanzare, e si dimostra anche bravo, allora ci dicono “Aspettate un attimo, non tocca a voi, tocca a chi già sa”. La solita Italia.

Carlo Lettera
Riproduzione riservata

Preferenze privacy