shinystat spazio napoli calcio news Ammettiamolo, in fondo non ci credevamo

Ammettiamolo, in fondo non ci credevamo


Non ci credevamo, ammettiamolo francamente. Cinque milioni d’ingaggio annuo, che cifra. Cavani ha fatto saltare il banco, segno che quando un “anormale” sbarca all’ombra del Vesuvio la ragione non riesce a tenere, i parametri fissati si allentano, l’edificio certosino crolla e tutti i tifosi beati con gioia si fanno travolgere.
Ora il Napoli è davvero sexy, sempre utilizzando i nuovi dispositivi che vogliono la competenza e la bravura misurarsi sul conto in banca.
Ragazzi, ma ci credete? Cinque milioni! Il Napoli ora non è più nell’anticamera ad aspettare regali di giocatori in soprannumero o estenuanti giri del mondo per trovare il giovane sudamericano che si accontenta di 6-700mila euro. DeLa ha lanciato un chiaro messaggio “Ragazzi, i soldi stanno qui, ma fatemi vedere che li valete, io non sono un fesso, non regalo milioni a mezze calze per poi rovinarmi”.

E Cavani glielo ha dimostrato a suon di gol e di punti, aiutando il Napoli a diventare sexy, e chi è sexy deve spendere per apparire sempre bello e in forma, per essere invitato ai balli aristocratici.
Qualcosa è cambiato, siamo di fronte a una svolta epocale nella gestione De Laurentiis; quello che poteva sembrare un ridimensionamento dopo la cessione di Lavezzi sta invece tramutandosi in un rafforzamento di strategia e d’immagine.
Venticinque milioni in cinque anni, non ci credevamo, ma ora che apprendiamo che è così ci crediamo. E a chi insulta Aurelio dandogli del pappone ricordiamogli che se stiamo alzando la testa e coltiviamo sogni il merito è anche suo, soprattutto suo.

Carlo Lettera

Riproduzione riservata