shinystat spazio napoli calcio news Moggi: "Chi ha sbagliato a Pechino?chi ha mandato Mazzoleni e i suoi assistenti a dirigere una partita importante come Juventus-Napoli"

Moggi: “Chi ha sbagliato a Pechino?chi ha mandato Mazzoleni e i suoi assistenti a dirigere una partita importante come Juventus-Napoli”


C’è ancora tanta rabbia e tristezza per quella partita di Supercoppa buttata via così. Perchè è questa la verità. Una partita sbagliata, incattivita e condizionata da scelte arbitrali avulse da ogni logica calcista, razionalità e buonsenso.

A parlare ancora di quella gara è Luciano Moggi, sul Corriere del Mezzogiorno.

Scusi Moggi, ha sentito il commento di John Elkann alla decisione del Napoli di disertare la cerimonia finale della Supercoppa?  «Non le ho lette».

Ma come: le hanno riportate tutti i giornali e le tv nazionali? Impossibile non averne avuto notizia.
«E io non le ho lette».

Elkann ha detto che il Napoli non ha lo spirito olimpico.
«Perchè ha spiegato cos’è lo spirito olimpico? Lui sa cos’è?».

Luciano Moggi è l’antesignano di Aurelio De Laurentiis. Perchè nella finale di Supercoppa del 1998, lui guidava con Bettega e Giraudo quella Juve che decise di non partecipare alla premiazione finale per protestare contro l’arbitro. Proprio come ha fatto il Napoli a Pechino. «Certo, in Cina ci siamo fatti conoscere bene come italiani. Però non darei colpe a nessuno per quello che è successo dopo la partita».

E  prima del triplice fischio finale chi ha sbagliato?
«Chi ha mandato Mazzoleni e i suoi assistenti a dirigere una partita importante come Juventus-Napoli. Una finale di Supercoppa, mica una partita qualsiasi. Durante la quale hanno tenuto in panchina Rizzoli e Tagliavento».

E’ evidente che non le sia piaciuta la direzione di gara?
«Un arbitro vero, di quelli che sanno dirigere le finali, deve anche saper far finta di non sentire qualche parola (espulsione di Pandev; ndr)».

Però disertare la premiazione è sportivamente sbagliato.
«Nell’immediato la rabbia prende il sopravvento. Anche se poi a mente fredda sarebbe stato meglio evitare quella decisione».

Che pensa di questo Napoli? Sarà competitivo in campionato?
«Contro la Juve non meritava certo di perdere. Poi che non sia una squadra eccezionale è fuori dubbio: ma rispetto alle avversarie che ci sono oggi in Italia può competere con tutte. Sono convinto che possa ambire a posizioni importanti in classifica. Ma deve sapersi gestire meglio rispetto allo scorso anno. Quando poteva tentare di vincere lo scudetto e invece ha preferito seguire la chimera della Champions».