shinystat spazio napoli calcio news Gargano con le valigie pronte, perchè il Napoli deve trattenerlo

Gargano con le valigie pronte, perchè il Napoli deve trattenerlo


Dal sito violanews.it sono trapelate alcune voci secondo cui Walter Gargano sia in procinto di prendere una decisione sul proprio futuro. Inter e Fiorentina sono alla finestra, ma non è escluso che el mota decida di andare all’estero. Nonostante le rassicurazioni di Bigon, il minuto centrocampista uruguaiano sembra essere sempre più lontano da Napoli. C’è più di una ragione per cui il Napoli debba riflettere bene prima di cedere un tassello importante come Gargano. La risposta è scritta nel dna del giocatore, unica e rara pedina del centrocmapo azzurro in grado di pressare e mordere le caviglie degli avversari con fare deciso e grintoso, è uno dei pochi a recuperare energicamente palloni importanti, anche se spesso ne perde altrattanti, ma poco importa, visto che la sua buona vena coincide spesso in positive prove della squadra, da cui la presenza di Gargano spesso è sembrata imprescindibile. La funzionalità di questo calciatore non è semplice da trovarsi altrove, soprattutto perchè Walter ha oramai trovato la sua dimensone a Napoli, e, nonostante il cambio modulo non favorisca il suo ruolo, resta uno degli “intoccabili” dello scacchiere partenopeo, almeno per ciò che riguarda il nostro parere.

I nomi dei sostituti sono svariati, da Medel a Palombo, ma tutti hanno qualcosa in meno che farebbero rimpiangere la partenza del mota, il primo, paraguaiano dell’Atletico Madrid verrebbe in un campionato nuovo, e qundi bisognoso di guadagnarsi stima e fiducia, oltre che doversi ambientare sotto tutti gli aspetti, il secondo, in procinto di rescindere il proprio contratto con la Samp, potebbe soffrire di eccessiva staticità, come spesso gli è stato attribuito, nonostante abbia la giusta esperienza, oltre che conoscenza del nostro campionato e delle doti di Mazzarri, suo ex tecnico.

Insomma, ad oggi, non vediamo una ragione plausibile per cedere Gargano, considerando di poco conto la lite con il tecnico durante l’intervallo del match contro il Braga. Questi battibecchi da nulla non possono minare un progetto che prevede anche la presenza di Gargano nel centrocampo azzurro del futuro.