shinystat spazio napoli calcio news Cuadrado non verrà a Napoli, Armero è solo un miraggio: meglio cosi! Ecco perché...

Cuadrado non verrà a Napoli, Armero è solo un miraggio: meglio cosi! Ecco perché…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dovevano essere i primi due colpi per il Napoli 2012-2013, invece Juan Guillermo Cuadrardo e Pablo Armero sembrano ormai lontanissimi dal club di Aurelio De Laurentiis. La sensazione, però, è che i tifosi azzurri non si stiano strappando i capelli per il mancato arrivo dei due colombiani e sicuramente non hanno tutti i torti.

CUADRADO DA MONTELLA-  L’ala destra di proprietà dell’Udinese è ormai un giocatore della Fiorentina a tutti gli effetti. Non ha ancora firmato per la società toscana solo perché rallentato da un’appendicite acuta che ha fatto slittare di qualche giorno la firma che lo legherà ai gigliati. Il calciatore sudamericano non deve rappresentare un rimpianto per il Napoli poiché (pur essendo tecnicamente dotato, veloce e giovane) tatticamente si sarebbe inserito malissimo nel gioco mazzarriano. Cuadrado è una classica ala destra alta da 4-4-2: poteva in qualche modo adattarsi come attaccante esterno nel 3-5-2 partenopeo, ma la concorrenza di Pandev, Vargas e Insigne sarebbe stata spietata. Assolutamente improponibile, invece, impiegarlo sulla fascia come vice- Maggio perché l’ex del Lecce non ha assolutamente nelle sue corde la fase difensiva. Un non arrivo che fa tutti felici: il Napoli che ha risparmiato 5 milioni di euro (solo per la comproprietà), il giocatore che approderà in una piazza nobile (anche se un po’ decaduta) che gli darà certamente spazio e Vincenzo Montella che finalmente si ritroverà fra le mani un innesto prezioso su cui puntare.

ARMERO IN BILICO-  Sfumato Aly Cissokho, il colombiano Armero era in pole position per l’out mancino azzurro. Ma più passavano i giorni senza che Riccardo Bigon riuscisse a chiudere questo affare, più Walter Mazzarri rivalutava i fluidificanti che già aveva in rosa: Maggio e Zuniga, per il tecnico di San Vincenzo, sono due titolari inamovibili e Dossena rappresenta un’ottima soluzione a sinistra. Inoltre lo stesso Zuniga può alternarsi con scioltezza su entrambe le fasce e anche il nuovo arrivo Behrami (che giocherà principalmente da mediano) nei casi d’emergenza potrà essere tranquillamente schierato sia a destra che a sinistra. A questo punto la strategia di mercato del Napoli è cambiata: si prenderà un altro esterno sinistro solo se capace di fare davvero la differenza e il nome di Federico Balzaretti, in questi giorni, non viene fatto a caso. Armero è un ottimo elemento, ma non è certamente migliore dei fluidificanti che già sono a disposizione di Mazzarri. La sensazione è che solo il biondo giocatore del Palermo potrebbe far cambiare idea alla coppia Bigon-Mazzarri: o arriva Balzaretti oppure gli esterni del Napoli rimarranno quelli attuali.

Marco Soffitto

 

 

Preferenze privacy