shinystat spazio napoli calcio news Equilibrio e imprevedibilità, ecco cosa vuole Mazzarri dal nuovo modulo

Equilibrio e imprevedibilità, ecco cosa vuole Mazzarri dal nuovo modulo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Se la scorsa stagione c’era da evidenziare un limite al Napoli, parecchi avrebbero risposto che gli azzurri facevano fatica a trovare i varchi giusti per penetrare in quelle difese che arrivavano al San Paolo per portare a casa lo 0-0, cercando di sfruttare le poche occasioni che di cui potevano disporre nei 90 minuti per provare magari a prendersi l’intera posta in palio.

A distanza di qualche mese, Walter Mazzarri sembra aver riconosciuto tale limite e come emerge dalle sue dichiarazioni nella prima conferenza stampa stagionale a Dimaro è pronto a dare “una nuova pelle” a questo Napoli: “Voglio far conoscere un modulo che non abbiamo mai usato, il 3-5-1-1. Il nostro gioco col 3-4-2-1 è ormai consolidato e questa nuova soluzione può dare imprevedibilità al nostro gioco: la squadra dovrà saper cambiare pelle anche durante la partita.” Insomma, attraverso questa nuova impostazione tattica Hamsik arretrerà il suo raggio d’azione di qualche metro, partendo dalla linea mediana e sfruttando la sua migliore caratteristica, l’inserimento. Un po’ come l’aveva utilizzato Edy Reja durante la sua guida, in quel 3-5-2 che tanto si avvicina al nuovo modulo di Mazzarri: il tutto per non dare riferimenti e garantire equilibrio maggiore alla squadra.

Alle spalle di Cavani agirà invece Goran Pandev, su cui Mazzarri nutre grande fiducia: “Pandev ha delle qualità indiscusse, faccio tantissimo affidamento su di lui ed è un titolarissimo come Hamsik e Cavani.Quando si parla poi di differenze tra i due tipi di modulo Mazzarri spiega che “la differenza quasi non c’è, gli esterni agiranno allo stesso modo. Cambierà qualcosa nel centrocampo e nel come si dovranno muovere le punte, in modo da creare scompiglio qualora ve ne fosse bisogno.” Tutto giusto, ma da queste parole emerge sicuramente un dato di fatto: Mazzarri non sembra voler puntare da subito su Lorenzo Insigne ed Edu Vargas, su cui il patron De Laurentiis fa tanto affidamento. 

Preferenze privacy