Criscitiello: “Ho ammesso di aver cantato “Noi non siamo napoletani” in passato. Non accetto i moralisti”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

E’ intervenuto ai microfoni di Radio Gol il giornalista di Sportitalia Michele Criscitiello che nelle ultime ore è stato protagonista di una sgradevole situazione che abbiamo raccontato precedentemente. Ecco quanto detto da Criscitiello: “Sta girando su internet un video sulla serata di ieri e sulla mia condivisione di un coro dei tifosi presenti in piazza, commette un errore chi mi accusa di aver avallato il coro “Odio Napoli”. Al momento del mio ingresso c’erano due cori “Odio Napoli” e “Noi non siamo napoletani” questo perché a Udine e Milano pensano che io sia napoletano mentre io sono avellinese. Al gruppo che cantava “Odio Napoli” ho detto di fermarsi mentre a chi cantava “Noi non siamo napoletani” gli risposto con una battuta dicendo che quel coro l’ho cantato anche io. L’episodio era riferito alla finale per approdare in Serie B tra Avellino e Napoli quando anche io ho cantato quel coro perché sono tifoso dell’Avellino. Ripeto io ho solo risposto a chi cantava “Noi non siamo napoletani” proprio perché sono un irpino purosangue e non sono napoletano. Io non sono razzista assolutamente e ho difeso Napoli e i napoletani in ogni sede. Non voglio più affrontare questioni del genere. I tifosi del napoli calcisticamente hanno altri problemi nella settimana della finale di Coppa Italia e dell’eventuale partenza di Lavezzi. Nessuno può fare il moralista nei miei confronti perché io amo una sola città ed è Avellino. Non chiedo scusa ai napoletani perché mi si accusa di qualcosa che non ho fatto, ripeto ho cantato in passato “noi non siamo napoletani” e basta”.

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI