Iavarone: “Un Maggio di speranza”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

È andata talmente bene, da rimanerne quasi delusi. Né uno dei soliti errori del Napoli, né una palla alta del Novara a mettere ansia alla difesa: gli avversari erano volenterosi, ma di secondo se non terzo livello, tanto da non far dubitare della loro virtuale retrocessione. L’esiguo numero di precedenti tra le due squadre avrebbe già dovuto spiegare che non poteva esserci confronto. Meglio così. Ma è il confortante ritorno di Maggio a fornire una chance per proseguire in un’impresa da tutto per tutto. E, come suggerisce la regola base di ogni squadra che non voglia deprimersi, guardando le distanze in classifica, nessuno fa calcoli. Al Napoli giurano di non avere studiato tabelle per l’impervia rimonta. Da qui all’ultima giornata, però, non può essere soltanto la corsa della buona volontà. Occorrerà non conoscere pause e soprattutto accelerare i tempi per riacciuffare chi sta davanti. Tuttavia nel Napoli non si naviga soltanto a vista. Dopo il ritorno alla vittoria – la pausa durava dal 9 marzo – s’è fatta strada una convinzione non dichiarata, ma che nasconde il vero traguardo: l’accoppiata zona Champions e Coppa Italia. Una simile ambizione potrebbe fornire ai giocatori motivazioni aggiuntive impensabili. Per tradurre in realtà questa intima convinzione servono verifiche. Attenti, insomma, a non darsi la zappa sui piedi da soli. Salutato con simpatia il Novara, gli ostacoli più duri – nelle ultime cinque partite – saranno il Lecce e la Roma. Qui i duri cominceranno a giocare e non ci si può più aspettare tappeti rossi. Si prospetta un’ultima parte del torneo molto più intricata e insidiosa della prima. Peccato per quanto accaduto al Napoli nell’ultimo mese, quando ha dilapidato il tesoretto accumulato sulla carta. Pareggia oggi, perdi domani: la certezza di inseguire quel posto per la Champions s’era diradata partita dopo partita. Ma, volendo ragionare in prospettiva, non è da sottovalutare la spinta psicologica di chi sa vincere in pantofole: pur in una partita tutt’altro che difficile, come è stata Napoli-Novara.

Fonte: Il Mattino

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI

Preferenze privacy