shinystat spazio napoli calcio news Bianchi: "Il Napoli può lottare ancora per il terzo posto. Mi auguro che diventi una squadra antipatica"

Bianchi: “Il Napoli può lottare ancora per il terzo posto. Mi auguro che diventi una squadra antipatica”


Ha portato il Napoli sul tetto d’Italia e sul tetto d’Europa legandosi in maniera inscindibile con la città e con i tifosi. Parliamo di Ottavio Bianchi prima giocatore e poi allenatore del Napoli che alla vigilia di Napoli-Atalanta ha rilasciato un’intervista a Il Mattino.

Il bresciano che vive da quarant’anni a Bergamo, Città Alta, e porta nel cuore Napoli. Ottavio Bianchi, l’allenatore di Maradona e del primo scudetto, è un pezzo di storia delle due squadre che si sfidano stasera al San Paolo. Lui vedrà la partita in tv. “Ormai allo stadio vado raramente, sono stato a seguire Atalanta-Bologna l’ultima volta. Preferisco gli stadi di altri Paesi, dove inevitabili sono i raffronti con i nostri: sono moderni, aperti ai giovani, con biglietti non tanto cari”.

Raramente negli stadi di altri Paesi si ascoltano cori razzisti, quelli che accompagnano da sempre il Napoli al nord.
“Li ho ascoltati anche io a Bergamo, Verona, Brescia… Il razzismo è sinonimo di stupidità e di superficialità ed ecco perché preferisco altri Paesi, altri stadi, là dove si tifa soltanto per la propria squadra. Se non supereremo questo e altri gap, non riusciremo mai ad essere fino in fondo competitivi”.

A Bergamo è arrivato da calciatore nel ’72 e non si è più mosso.
“Sono stato anche allenatore dell’Atalanta. Ero sulla panchina della Triestina, avevo il contratto per la successiva stagione, tuttavia l’insistenza della famiglia Bortolotti, proprietaria del club, fu forte. La squadra era precipitata dalla serie A alla serie C1 in pochi mesi: riuscimmo a risalire subito anche grazie al sostegno dei tifosi, ce n’erano 15mila a partita. Ero un giovane risultato, fu un risultato importante”.

 I tifosi non sono mancati allo stadio Azzurri d’Italia anche nella stagione della penalizzazione di 6 punti per le scommesse e degli arresti di Doni e Masiello.
“Conosco bene la tifoseria del Napoli, la più appassionata nel caldissimo sud, e quella dell’Atalanta, che dà un supporto forte alla squadra. Il feeling si è confermato in un’annata difficile come questa, onorata dalla squadra nonostante la penalizzazione. Senza il -6, i nerazzurri sarebbero stati quasi alla pari del Napoli. Sicuramente l’Atalanta è la rivelazione del campionato con il Catania. La squadra non ha solo orgoglio, ma anche giocatori giovani di qualità, come Cigarini, che avrebbe potuto compiere un bel salto a Napoli, e Gabbiadini. D’altra parte, puntare sui giovani è una caratteristica dell’Atalanta: il suo vivaio è formidabile dai tempi di Cabrini e Scirea. Io, che nel ’93 lanciai Fabio Cannavaro a Napoli, dieci anni prima avevo promosso dalle giovanili nerazzurre Donadoni e Madonna. Sui giovani bisognerebbe puntare: è strada che hanno indicato grandi club come l’Ajax e il Barcellona”.

Lei puntò sui campioni affermati e sui giovanti talenti a Napoli nell’anno dello scudetto.
“Avevamo tanti ragazzi nati in Campania: Ferrara, De Napoli, Muro, Volpecina, Caffarelli, Di Fusco… Quand’ero io calciatore, per questioni legate all’alimentazione i talenti nascevano prevalentemente al nord: Friuli, Lombardia, Toscana. A partire dagli anni ’80 i migliori calciatori sono stati scoperti al sud e ora regioni come la Campania sono un vivaio permanente. Bisognerebbe rafforzare certi progetti, proprio come fa l’Atalanta, che ha una scuola simile a quella del Barcellona. I blaugrana mi piacciono perché non hanno una panchina da 400 milioni di euro: nelle seconde file ci sono soltanto ragazzi della Cantera”.

Dal futuro al presente del Napoli: cosa è successo agli azzurri, che non hanno più vinto dopo l’eliminazione dalla Champions?
“Quando diventai allenatore del Napoli, nelle riunioni con Ferlaino e Allodi li avvertivo: guai ad esaltarsi per la vittoria sulla Juve. Ero stato calciatore a Napoli, conoscevo le passioni della piazza e i suoi sbalzi d’umore, che cercammo di gestire nello spogliatoio e anche fuori. Il problema è quando pericolosamente si passa dall’euforia alla depressione e credo che questo sia un lavoro delicato che Mazzarri sta affrontando, soprattutto in queste settimane”.

Possibile che gli azzurri abbiano subito un calo fisico e psicologico anche perché hanno conquistato la finale di Coppa Italia?
“Non mi permetto di entrare in questi discorsi, Mazzarri ha il polso della situazione e le sue valutazioni sono le più opportune. Credo che tanti mesi a certi livelli, giocando su più fronti ad alta intensità, abbiano inciso. Il Napoli avrà certamente accelerato la preparazione, dovendo affrontare il più impegnativo girone di Champions League, e nei cambi di stagione possono emergere difficoltà sotto l’aspetto fisico perché a Napoli vi sono spesso temperature più elevate che al nord”.

Il Napoli è a un bivio contro l’Atalanta dopo il ko sul campo della Lazio, adesso è a sei punti dal terzo posto e dal preliminare di Champions League.
“La squadra è in corsa a sette giornate dalla fine. Il distacco è colmabile, anche perché nelle precedenti partite Lazio e Udinese hanno dato l’impressione di aspettare il Napoli. Tutto può ancora succedere. Anche nella finale di Coppa Italia contro la Juve, ovviamente. È una competizione bistrattata finché non si arriva alla finale, che offre una chance per partecipare alle coppe europee”.

L’allenatore del primo scudetto e della Coppa Uefa che giudizio dà su Mazzarri?
“Positivo, dal mio punto di vista, nel senso che io non posso sapere quali sono stati i discorsi fatti e gli obiettivi fissati nella stanza dei bottoni. Non conosco Mazzarri se non attraverso interviste televisive, però preferisco non ascoltare i miei ex colleghi: spesso in video non dicono le cose vere”.

Un augurio a Mazzarri?
“Auguro al Napoli di non essere più una squadra simpatica: le squadre che vincono non sono simpatiche”.

Fonte: Il Mattino

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl