shinystat spazio napoli calcio news Cucci: "De Laurentiis fa bene a non vendere i suoi gioielli. Il calcio? Non è uno sport da femminucce.."

Cucci: “De Laurentiis fa bene a non vendere i suoi gioielli. Il calcio? Non è uno sport da femminucce..”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Italo Cucci, editorialista per il quotidiano “Il Roma” si esprime in merito alla gara tra Napoli e Catania di ieri pomeriggio focalizzando la sua attenzione su Edinson Cavani: 

C’è un grande, nel Napoli: si chiama Cavani. Non è una novità – direte. Ma non parlo del Matador, del fantastico bomber che anche ieri, commesso un errore, l’ha riparato segnando un gol rabbioso. È una novità il ruolo che ha deciso di assumere, proprio collegato alla rabbia che gli si è vista in volto – lui che vorrebb’essere angelico, sempre – nel momento del riscatto e subito dopo avere gettato al vento una vittoria importante. Ha parlato, Cavani, e con poche parole si è fatto in un attimo presidente, allenatore e giocatore. Ha accusato le cadute di tensione, le pause deleterie suggerite ora da presunzione, altre volte da una colpevole leggerezza; ha detto fra i denti che bisogna lavorare, lavorare, lavorare, mettercela tutta, come fa lui quando dopo l’ennesimo gol lo vedi sbrigare una pratica urgente nella sua area di rigore, e De Sanctis potrebbe testimoniare le occasioni in cui s’è trovato accanto quel difensore angelico felice cacciatore di incubi. Mentre altri – lo ha amaramente confessato Mazzarri, prima descamisado gioioso poi tornato incazzatissimo nell’abito d’ordinanza – continuano nella pratica suicida di favorire gol su tiri piazzati come se la ripetuta, ossessionante lezione del tecnico cadesse nel vuoto, in un compiaciuto disinteresse; eppure è chiaro quel che succede e non c’è bisogno di esser particolarmente eruditi: in quei momenti non lasciate libertà all’avversario, marcatelo forte, impeditegli quei balzi vincenti che fan diventare giaguari anche gli agnelli. Il calcio ha le sue regole, le sue pregiate cattiverie, e spesso gli azzurri sembrano generosi dispensatori di dolcezze. È come vedere Messi nelle ultime goleade travolgenti che in realtà sono spesso inconsapevoli regali: è un fenomeno, il ragazzo, ma guardate bene i suoi marcatori, gli lasciano spazio come se volessero farsi spettatori delle sue bravate, tanto prendere un gol da lui è normale, anzi, un onore; e ricordate, allora, la forza con cui il Divino Diego usciva dalle morse avversarie, come scampava all’attenzione di chi puntava alle sue caviglie. Il calcio – non insorgano le femministe – non è un gioco da signorine, la palla non è quella che si giocava alle terme di Caracalla: non c’è sport più duro e faticoso del calcio che coinvolge muscoli (cuore compreso) e cervello. E dunque si è rivolto ai compagni, Cavani, come se fosse il vecchione della compagnia, e invece ha venticinque anni e un futuro da illustrare ulteriormente con vittorie importanti. Perchè per ora non ha vinto nulla e anzi ha visto svanire il sogno europeo e fallire due occasioni d’agguantare lo scudetto, l’anno scorso e quest’anno. Dice bene De Laurentiis che i suoi (i miei) Tre Tenori non li molla, eppure deve sapere che a quel livello dopo gli applausi scroscianti del San Carlo si deve per forza conquistare la Scala. Sennò si cera un altro impresario. E tuttavia, ascoltato lo sferzante giudizio di Edinson il Terribile (versione insolita ma esaltante) si può star certi che la caccia al terzo posto da Champions continuerà e non sarà difficile riagguantare la Lazio fortunata del vecchio Reja nè lasciarsi alle spalle l’Udinese che sforna giovanotti come fosse un’accademia. Domenica c’è Juve-Napoli e per l’occasione si vedrà se è servita a qualcosa la lezione di Cavani che parte da un dato certo: quella di Mazzarri è la squadra migliore, per gioco (salvo cadute di passione) e per uomini. Ieri s’è avuta la conferma che anche i rincalzi sono eccellenti: Dzemaili ha arricchito di un gol bellissimo una prestazione più che positiva, Pandev ha dato la carica a un Napoli attendista servendo palle-gol a volontà, ha fatto la sua parte anche Fernandez. Sarebbe un delitto se un Napoli così riducesse le chanches europee al ruolo conquistato in Coppa Italia”.

fonte: Il Roma

Enable referrer and click cookie to search for pro webber
Preferenze privacy