Un anno di calvario cancellato in novanta minuti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Tredici mesi per tornare in campo dal primo minuto, tredici mesi in cui i pensieri negativi rischiano di prendere il sopravvento e cercano in tutti i modi di buttarti giù. E’ trascorso più di un anno da quel 15 gennaio 2011, da quella gara contro la Fiorentina che segnò per Grava l’inizio di un calvario inaspettato: lesione al legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro e stagione finita.  Fino a quel momento il difensore casertano aveva disputato un campionato ben al di sopra di ogni più rosea previsione, conquistando a suon di ottime prestazioni un posto da titolare e la fiducia di tutto l’ambiente partenopeo. Per lui, autore di una carriera fatta di tanta gavetta e tanti sacrifici, aver raggiunto la serie A e l’Europa con la maglia per cui ha sempre tifato ed averlo fatto da protagonista e non da comparsa è stato motivo di grande orgoglio.

Quell’infortunio però ha interrotto bruscamente il percorso di Grava in azzurro. In questi 13 mesi ha ricevuto tanti attestati di stima: l’affetto dei tifosi, il rinnovo del contratto offertogli dalla società subito dopo l’operazione e, appena due mesi fa, l’esordio (seppur nei minuti di recupero) in Champions League nel match disputato a Vila-Real. Tuttavia, Grava non ha più ritrovato il terreno di gioco con continuità e, nonostante l’ampio turn over attuato da Mazzarri, è sembrato sempre più ai margini del progetto tecnico del club azzurro, a tal punto  da paventare una sua possibile partenza nel mercato di gennaio. Il trasferimento non è avvenuto, ma il minutaggio in campo è rimasto inalterato.

La svolta inaspettata è arrivata però lunedì sera: Mazzarri decide di schierare Grava dal primo minuto al San Paolo contro il Chievo e per di più da capitano ed il difensore casertano sforna una prestazione ai limiti della perfezione: annulla Pellissier, ammutolisce Moscardelli e si lascia andare a giocate di fino nonostante il forte pressing degli avversari, esaltando il pubblico partenopeo che gli riserva forti applausi Scontati gli elogi da parte di tutti, con Mazzarri che sembra intenzionato a dargli fiducia anche nel match di campionato di venerdì contro la Fiorentina. Sono bastati 90 minuti per cancellare un calvario durato ben 13 mesi: bentornato Grava!

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI