shinystat spazio napoli calcio news E' Baithiare l'unica donna di Edu Vargas

E’ Baithiare l’unica donna di Edu Vargas

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Di lui sappiamo ancora poco, delle sue doti calcistiche, così come della sua vita privata.
La nostra conoscenza, fin qui, si limita a qualche fraseggio, intravisto nei pochi sprazzi di partite che ha disputato finora.
Per scoprire qualcosa di lui: le sue passioni, chi è e cosa fa, una volta slacciate le scarpette da calcio, possiamo solo pizzicare qualche notizia zigzagando per il web.

Eduardo Vargas, detto turbo-man, ventunenne cileno, esterno destro, con un potenziale ancora tutto da esprimere e che la piazza partenopea auspica di vedere esplodere proprio all’ombra del Vesuvio.
Ragazzo timido ed introverso, ma, al contempo, allegro e leale, schivo e restio quando si tratta di disquisire con i giornalisti, capace di liberarsi di qualsiasi freno inibitorio solo con un pallone tra i piedi.
Loco por el futebol”: pazzo per il calcio, un vero e proprio amore viscerale, geneticamente determinato, quello che lega Edu a questo sport.
Da bambino, quando si recava a scuola, portava con sé sempre “il suo amico del cuore”: il pallone.
Ad onor del vero, un responsabile del collegio che frequentava, avrebbe voluto affidarlo in cura ad uno psicologo. In sua discolpa intervenne il suo professore che si oppose affermando: “Lasciamolo stare, è la sua passione.”  
Passava ore, intere giornate, a giocare con il pallone, nel suo quartiere: “la Renca”.

Non gli piace la vita di notte, non beve alcool, non ha piatti preferiti, ama solo giocare a calcio.
Oltre “la pelota”, sono due gli hobby che predilige: la Play-station, infatti, tra i giocatori della nazionale cilena è il migliore nei giochi di calcio insieme ad Alexis Sanchez.
Poi c’è la musica, in particolare il reggaeton, ritmo latino che scorre nel sangue dei sud-americani e che, nel caso di Edu, si mescola con la passione per il calcio, con la quale condivide pacificamente le diramazioni arteriose e venose.

Non ha  una fidanzata, sebbene il suo cuore è animato dall’amore immenso che nutre per una donna molto speciale: Baithiare Vargas, la sua dolce sorellina di appena 5 anni che ci ha regalato un’immagine assai commovente al momento del saluto ad Edu, all’aeroporto di Cile, allorquando il calciatore si apprestava a salire sul volo che, dopo lo scalo a Madrid, lo ha portato a Roma, per poi proseguire il suo viaggio in auto fino al capoluogo campano.
C’erano anche i tifosi dell’Universidad, squadra dalla quale il Napoli lo ha acquistato, “i suoi tifosi” che hanno voluto regalargli un ultimo, doveroso tributo che ha contribuito, non poco, a conferire pathos emotivo a quella partenza.
In tal senso, il contributo più cospicuo, come detto, è stato fornito da Baithiare: commossa, dispiaciuta e rammaricata di doversi staccare dalle braccia del suo fratello maggiore che con palpabile affetto e protezione l’ha tenuta stretta a lui, fino all’ultimo secondo utile, prima di imbarcarsi.
Segnale forte e significativo di un attaccamento viscerale alla sua famiglia, composta dal papà,  Don Eduardo, mamma Pamela, il fratello Camilo di 18 anni e, ultima, ma, a quanto pare, solo in ordine cronologico, Baithiare.
I Vargas sono descritti come una famiglia rispettabile, ma molto umile e dedita al sacrificio.

Era al quanto improbabile ed inverosimile che rimanessero in Cile a monitorare a distanza l’avventura partenopea di Edu. Infatti, Don Eduardo e Camilo, sono già approdati nel capoluogo campano, mentre, la famiglia in toto si riunirà in primavera, allorquando sbarcheranno a Napoli mamma Pamela e la piccola Baithiare.

Edu è rimasto positivamente colpito ed affascinato dai paesaggi mozzafiato che la città partenopea è in grado di offrire, sembra che riesca perfino a girare indisturbato per le strade di Napoli senza essere riconosciuto ed assalito dai tifosi, tant’è vero che è riuscito a concedersi una lunga giornata di relax, per le vie dello shopping della città, appena qualche settimana fa.

Tutto lascia presagire che il suo approccio, con quanto attiene e caratterizza la realtà partenopea, stia procedendo alla grande e il desiderio della sua famiglia di stargli accanto è finalizzato, appunto, ad agevolare questo processo di “acclimatazione.”
I compagni di squadra, dal canto loro, stanno fornendo il loro apporto e supporto, dentro e fuori dal campo, per avvantaggiarne il feeling con i moduli e le dinamiche di gioco e, al contempo, incrementare il suo ambientamento a 360°. Sotto quest’ultimo aspetto, coloro che stanno fornendo il contributo più incisivo e significativo ,sono Chavez e Camilo Zuniga, con i quali Vargas è entrato in sintonia da subito.

Senza dubbio, il rammarico di Edu per la partenza di Chavez, sarà grande. Tuttavia, l’imminente arrivo della sua amata sorellina riuscirà, in ogni caso, a colmare qualsiasi lacuna affettiva.
E, inoltre, considerando che è un “single di lusso”, “uno scapolo d’oro”, non è da escludere che proprio nel “Paese d’ ‘o sole” possa trovare la sua “dolce metà”, con il consenso e l’approvazione della piccola Baithiare, sia ben chiaro alle aspiranti “Lady Vargas.”

 Luciana Esposito

RIPRODUZIONE RISERVATA

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI

Preferenze privacy