shinystat spazio napoli calcio news Arbitri: al Napoli mancano quattordici punti

Arbitri: al Napoli mancano quattordici punti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ecco la versione di Walter Mazzarri. “Cinque punti persi nelle ultime tre giornate di campionato per colpa degli arbitri”. Il tecnico del Napoli è fatto così: quando la tensione si alza, la classifica si mette male, gli arbitri non sono esattamente impeccabili e il Napoli magari non vince da tre partite, Mazzarri diventa protagonista, tirando fuori polemiche urticanti, spesso memorabili. Un mese di cose strane, dice. Eppure ha completamente ragione. Per fortuna nessuno arriva a gridare al complotto. Neppure De Laurentiis che si limita a invocare “i sei arbitri in campo come in Europa”.
Ovviamente la sacrosanta allergia azzurra ai torti arbitrali è direttamente proporzionale all’andamento altalenante del rendimento in campo. Al San Paolo, in quella che cioè dovrebbe essere casa loro, gli azzurri hanno messo assieme una collezione di poco invidiabili primati: l’ultima vittoria conosciuta risale al 21 dicembre scorso (6-1 al Genoa) e dei 33 punti disponibili soltanto 17 sono andati a rimpolpare la magra classifica attuale.
Un errore dell’arbitro è più facilmente tollerabile in caso di successo. Ma quando sbaglia al 92’ e sullo 0-0 diventa assai difficile mandarlo giù. Sotto accusa, in particolare, il primo assistente Fabio Galloni, reo di aver sbandierato l’offside inesistente del macedone: per lui Braschi, il designatore, pensa a una giornata di stop. Galloni col Napoli è sfortunato: il 30 agosto del 2010 la fece grossa a Firenze quando segnalò il gol valido a Cavani ma la palla non aveva varcato la linea. Pure Luca Banti (livornese come Mazzarri) quando è al San Paolo vede le streghe: ha arbitrato Napoli-Lazio dell’aprile scorso (4-3) mandando su tutte le furie Lotito e Reja.
Eppure il Napoli non ha torto a lamentarsi. Tante le decisioni sfavorevoli accumulate dall’inizio del campionato. Nove partite sott’accusa. Proviamo a ricordare anche noi gli episodi. Quinta giornata, l’arbitro è Valeri: contro la Fiorentina (0-0) i partenopei protestano per due rigori non concessi. Il più evidente è quello non fischiato a Pasqual, che di mano intercetta un cross di Zuniga. Settima giornata, Napoli-Parma (1-2): Mazzoleni non vede un fallo netto di Gobbi su Lavezzi. Decima giornata: Catania-Napoli (2-1). Arbitro Celi. Dopo 43 minuti viene espulso Santana per doppia ammonizione. Il secondo giallo sembra davvero un’esagerazione. Undicesima giornata, al San Paolo c’è la Juventus (3-3). Tagliavento fa ripetere il rigore realizzato da Hamsik: troppi calciatori in area. Lo slovacco lo tira di nuovo e lo sbaglia, ma anche in quella circostanza ci sono uomini in area ma non viene fatto ripetere. Sul secondo gol della Juve c’è un netto fallo di Pepe su Maggio. In Napoli-Lazio (0-0) Rizzoli ferma Maggio lanciato in porta per posizione irregolare.
A Novara (1-1), De Marco allo scadere non vede il fallo del portiere Ujkani su Pandev. A Siena (1-1), 19esima giornata, Damato non vede un fallo di mano di Vitiello su colpo di testa di Campagnaro: è rigore. A Genova (3-2) l’azione del terzo gol del Genoa è viziata da fallo su Maggio da parte di Moretti. Volendo essere notarili, 14 punti in meno. E in classifica sarebbe addirittura al primo posto.

Fonte: Il Mattino

Preferenze privacy