shinystat spazio napoli calcio news Quando il Napoli annaspa...si fa vivo Cruciani

Quando il Napoli annaspa…si fa vivo Cruciani

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ormai i tifosi del Napoli ci avranno fatto l’abitudine: ogni volta  che i giocatori azzurri incappano in una prestazione infelice appare come per magia Giuseppe Cruciani. L’opinionista Mediaset,  dopo Napoli-Cesena di ieri sera, non ha digerito le critiche mosse da Walter Mazzarri ed Aurelio De Laurentiis nei confronti dell’arbitro Banti, reo di un arbitraggio oltremodo penalizzante per Cavani e soci: A Napoli si lamentano sempre, invece di analizzare il periodo negativo della squadra danno ancora una volta la colpa agli arbitri. Se pareggi in casa col Cesena, senza nemmeno segnare la colpa non può essere del direttore di gara. Perchè non parlano della partita vinta contro l’Inter, quando ricevettero loro l’aiutino…?”.

Ma Cruciani l’avrà visto davvero quel Napoli-Inter? Crediamo di no, altrimenti si sarebbe accorto che al momento del fallo di Maggio su Milito (che, se assegnato, poteva significare il pareggio nerazzurro) la squadra di Ranieri doveva giocare  con tre uomini in meno: l’arbitro Celi infatti graziò l’Inter non sanzionando tre espulsioni sacrosante (Sneijder, Chivu e Motta).

Inoltre anche i muri hanno capito che Cruciani, tifoso laziale, non prova nessuna stima (per usare un eufemismo) per De Laurentiis e Mazzarri, che spesso critica a prescindere dai concetti che esprimono. Neanche se il suo Lotito fosse un nobile e simpatico mecenate: se De Laurentiis talvolta incappa in qualche raptus di “cafoneria”, il suo omologo laziale al contrario fa notizia quando dice qualcosa di sensato e non abusa di latinismi maccheronici.

Personaggi come Cruciani (gufi patentati a tutti gli effetti) rappresentano per i giocatori azzurri un ulteriore motivo di rivalsa, soprattutto in campionato, nei confronti di tutti quelli che non vedono di buon occhio la compagine partenopea.

 

Marco Soffitto

Preferenze privacy