Milan v Napoli, tanti buoni motivi per giocare

aaa
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il gelo siberiano, che in questi giorni sta impazzando sulla nostra penisola, sta creando non pochi disagi; disagi che toccano la viabilità, le attività commerciali, le scuole, e da questo discorso non esula il mondo del calcio: stadi completamente coperti dalla neve, spalti e tribune ridotte a lastre di ghiaccio, problemi logistici per chi deve raggiungere lo stadio, tifosi, squadre ed addetti ai lavori.

Gia rinviate tre partite nel turno infrasettimanale, ma si teme anche per partita della 22a giornata, che vedrà il suo clou nella partita Milan v Napoli, da disputarsi domenica sera, al Meazza.  Galliani ha già trasmesso alla Lega la volontà di voler rinviare la partita a causa del freddo gelido che, sicuramente, invaderà Milano e De Laurentiis sembra aver già dato la sua approvazione. Si aspetta di capire cosa risponderà la Lega. Se non ci fossero condizioni climatiche adatte, sarebbe giusto rinviare la partita a data da destinarsi, ma un problema, forse ancora più grande, sarebbe proprio quello di trovare una data disponibile, nel fitto calendario d’impegni delle due squadre.

Il Milan, infatti, sarà impegnato, ipotizzando un rinvio della sua partita col Napoli, in semifinale di Tim Cup contro la Juventus  (8 Febbraio), in campionato con l’Udinese (12 Febbraio) e poi nell’ottavo di andata di Champions League, contro l’Arsenal (15 Febbraio) e poi ancora in campionato col Cesena (19 Febbraio) e con la Juventus (25 Febbraio).

Il Napoli, dal canto suo, ha gli stessi impegni del Milan ma in date diverse: semifinale di andata di Tim Cup contro il Siena (9 Febbraio), in campionato contro Chievo (13 Febbraio) e Fiorentina (17 Febbraio), ottavi di andata di Champions League col Chelsea (21 Febbraio) ed ancora campionato contro l’Inter (26 Febbraio).

L’alternanza delle loro partite di Champions vanificano, quindi, una possibile data disponibile nel mezzo delle due settimane centrali di Febbraio. L’unico spazio “vuoto“, comune ad entrambe le squadre sarebbe quello tra la 25a e la 26a giornata di campionato, cioè nella settimana che va dal 27 Febbraio al 04 Marzo

Se si dovesse rinviare, quindi, o si accetta quella data oppure si andrebbe a verificare una situazione paradossale: se una delle due squadre dovesse continuare il proprio cammino in Champions League fino alle semifinali, il calendario non offrirebbe una data libera, se non tra il 6-15 Maggio, tenendo conto anche dei turni infrasettimanali di Serie A.

Nel caso di eliminazione di Milan e Napoli agli ottavi, allora si libererebbero le date in cui le due formazioni avrebbero dovuto disputare i quarti di finale (27/28 Marzo, 03/04 Aprile), lo stesso dicasi per le semifinali (17/18 Aprile, 24/25 Aprile), ma sono ipotesi che non vorremmo prendere in considerazione, in quanto vorrebbero dire conclusa, l’avventura del Napoli in Champions League.

La patata bollente è adesso in mano alla Lega: rinviare una partita a quattro giorni dalla data prestabilita appare abbastanza illogico e non farebbe altro che alimentare polemiche: non solo Milano è soggetta al freddo, ma l’Italia intera. Tutte le società, come Milan e Napoli, hanno a cuore la salute dei propri giocatori, e quindi non mancherebbero di esprimere il loro malcontento nell’eventualità di un rinvio,  inoltre Napoli v Juventus è già stato focolaio di troppe polemiche.  Speriamo, quindi,  che le buone notizie, Lega a parte, vengano dal meteo.  

ANTONIO SALVATI

 

 

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI

Segnala a Zazoom - Blog Directory