shinystat spazio napoli calcio news CdS Cavani è sempre più una certezza

CdS Cavani è sempre più una certezza


Siamo sicuri che Cavani si ripeta? Gli attaccanti vanno soggetti ad annate.  E se capitasse un infortunio? No, meglio cautelarsi. Questa una delle  riflessioni espresse ad alta voce dal presidente De Laurentiis durante la  permanenza nel ritiro estivo di Dimaro. Il patron cercava un altro attaccante  che non poteva essere Lucarelli, tantomeno Mascara. Poi, più tardi, con l’avallo  di Mazzarri, spuntò l’idea-Pandev. E ad pochi giorni dalla chiusura del calcio  mercato arrivò il macedone.

I DISAGI -Ma il Matador non era cambiato. Intatto  il fiuto del gol. Come del resto, dimostrato dalla rete realizzata al Manchester  City e la tripletta al Milan nel giro di quattro giorni, dal 14 al 18 settembre.  Era cambiata invece la condizione psico-fisica. Cavani aveva accusato problemi  durante la Coppa America. Si era allenato poco e male, senza peraltro fare  vacanze. E, non avendo svolto un’adeguata preparazione atletica, s’infortunò  anche a Napoli, durante la sfida con il Villarreal. Poi, erano mutati gli  impegni ed il loro coefficiente di difficoltà da un anno all’altro. Molto più  dispendiosa la Champions rispetto all’Europa League. Ecco spiegato il lungo  digiuno ed un rendimento non all’altezza del bomber ammirato l’anno prima. C’era  già chi parlava di crisi, di involuzione tecnica, di mira ormai smarrita.

LA CONFERMA -Ma Cavani era sempre lo stesso, gli  mancava solo la brillantezza atletica ed una condizione che tardava ad arrivare.  Tra l’altro il furto subito nell’abitazione di Lucrino che l’aveva costretto ad  un trasloco repentino, l’aveva turbato a malapena. Il Matador aveva solo bisogno  di svolgere un programma di lavoro personalizzato che lo portasse a ritrovare la  forma migliore. Programma che non poteva essere rispettato a causa degli impegni  in successione, nazionale compresa. Appena ha avuto modo di lavorare con una  certa continuità, ecco il cecchino infallibile che fino all’ultimo contese lo  scettro dei bomber a Totò Di Natale un anno fa. Doppietta al Manchester City, un  gol all’Atalanta allo scadere, doppietta al Lecce e mercoledì notte, l’altra  doppietta, al Genoa.Nove centri nelle prime sedici gare di campionato.  Quante ne aveva realizzate nella passata stagione. L’uruguagio viaggia, quindi,  alla stessa andatura. Non ha perso il vizio del gol. E si trova a suo agio sia  con Lavezzi che con Pandev. L’unica differenza è alle squadre a cui ha fatto  gol: otto lo scorso campionato, cinque nell’attuale. Più costante prima che ora  ma la spiegazione sta tutta nello stato fisico e mentale.

L’ABBRACCIO -Al primo dei due gol realizzati al  Genoa, in pratica quello che ha schiodato il risultato, Cavani è corso verso la  panchina ad abbracciare Mazzarri. Il motivo c’era. Martedì allenatore e  calciatore erano stati a conversare per un’ora circa. Il tecnico toscano sa  essere anche psicologo quando occorre. Aveva notato un certo nervosismo del  Matador nel corso della gara con la Roma. E gli avrà ribadito fiducia, spronato,  incoraggiato. Come del resto, Mazzarri aveva fatto già in conferenza stampa:  “Cavani è il nostro finalizzatore principe. S’arrabbia quando non gli viene  la giocata ma a me piace così, vuol dire che ha sensibilità, ci tiene a far gol  e vedrete che tornerà presto a gioire. Intanto con la Roma gliene hanno  annullato uno validissimo”. E difatti il Matador si è presentato puntuale  all’appuntamento sfoggiando dal repertorio anche il colpo a cucchiaio non ancora  esibito al San Paolo. E non poteva che correre da Mazzarri per ringraziarlo e  dirgli: “Mister, aveva ragione lei” mentre ieri è corso da Maria Soledad  e Bautista che lo stavano aspettando in Uruguay.

IN SERATA -Prima di imbarcarsi a Capodichino per  godersi a casa il periodo di ferie, Cavani ha espresso il suo ottimismo ai  microfoni di Sky: “Abbiamo chiuso l’anno con una bella vittoria ed ora ci  ricarichiamo per andare avanti in Champions e fare bene in campionato, questi  gli obiettivi che vogliamo centrare. I momenti più belli? Le due partite con il  Manchester ed anche quella di Monaco in cui ci siamo comportati bene nonostante  la sconfitta. Io sto bene a Napoli e darò sempre il massimo per far felici i  nostri tifosi. Vargas? E’ forte, lo conosciamo e speriamo che si inserisca  presto con noi. Ma non ho dubbi: il Napoli è davvero un grande gruppo, a  cominciare dal mister, noi calciatori e tutto lo staff tecnico e dirigenziale»” Infine gli auguri ai tifosi: “Auguro a tutti tanta salute perché quella è  la prima cosa per fare bene nella vita”.

Fonte: Corriere dello Sport

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl