Campionato Primavera: Napoli-Palermo 0-1. Bollino e l’arbitro affondano gli opachi azzurrini. Grava: “Napoli è come una seconda pelle”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Seconda sconfitta consecutiva in campionato per il Napoli Primavera. Dopo il prezioso successo ottenuto nella Tim Cup di categoria contro la Juventus, gli azzurrini cadono tra le mura amiche per 1-0 ad opera di un Palermo quadrato e lanciatissimo verso i piani alti della classifica.

I ragazzi di Sormani, con Insigne e la sorpresa Grava nello schieramento iniziale, tentano di offendere la porta rosanero attraverso una manovra lenta e prevedibile per tutta la durata della prima frazione. I magri risultati ottenuti da questo atteggiamento, figlio anche delle prove sottotono di Signorelli, Fornito e lo stesso Insigne, agevola l’impostazione attendista del Palermo, pronto a colpire al momento opportuno. Al 19′ ci prova Zerbo con un pallonetto, ma Crispino è bravo ad intervenire, mentre al 38′ Silvestri si rende pericoloso di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il tempo si chiude con l’espulsione diretta di Fornito per un fallo di reazione a gioco fermo. Provvedimento giusto, ma forse un po’ eccessivo, che accende gli animi in campo.

Nonostante l’inferiorità numerica, gli azzurrini spingono per ottenere una preziosa vittoria al fine di dare un senso al campionato altalenante giocato finora. Al 49′ Palma sfiora il gol con un diagonale nell’area piccola rosanero, ma è solo un fuoco di paglia poiché al 56′ il Palermo si porta sull’1-0 grazie ad un tap-in a porta vuota di Bollino dopo una conclusione di Zerbo smanacciata da Crispino. Approfittando della situazione, i rosanero continuano ad attaccare e solo un salvataggio sulla linea di Iuliano evita la doppietta personale di Bollino. Il dispendio notevole di energie e gli scontri verbali e fisici con avversari ben più organizzati e solidi pregiudicano ogni possibilità di recupero da parte del Napoli. Nella parte finale del match Insigne prova a caricarsi sulle spalle la squadra per acciuffare almeno un pareggio, ma la sterilità offensiva partenopea rende tutto inutile.

L’unica nota positiva di rilievo è stata la prestazione del “soldatino casertano” Gianluca Grava dopo l’infortunio. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni raccolte da Sportitalia durante l’intervallo di Napoli-Palermo:

Sto bene già da un mese circa, e mi farebbe piacere disputare qualche partita anche con la prima squadra. Se fossi sceso in campo contro il Bayern avrei provato un’emozione fortissima. Al di là della categoria, per me è fondamentale vestire questi colori: Napoli è come una seconda pelle. Ho voglia di giocare, sono a disposizione di mister Mazzarri. Tifosi? Unici, li ringrazio sempre e mi sento uno di loro“.

 

Napoli: Crispino, Grava, Nicolao, Celiento, Iuliano, Di Falco, Signorelli, Palma (63′ Esposito), Romano (50′ Allegra), Fornito, Insigne. A disp: Sestile, Savarise, Pesce, Scielzo, D’Andrea. CT: Sormani

Palermo: Micai, Silvestri, Di Chiara (81′ Viscuso), Kosmic, Cristofari, Prestia, De Vito (23′ Rojas), Vassallo, Zerbo, Sanseverino, Bollino. A disp: Patania, Viscuso, Vitale, Piscopo, Cerniglia, Grippi. CT: Beggi

Marcatori: Bollino (Pal)

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI