shinystat spazio napoli calcio news CdS E' un Napoli "Made in Italy" quello che vince

CdS E’ un Napoli “Made in Italy” quello che vince

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Lavezzi e Cavani. E poi Inler e Hamsik. E Gargano, Zuniga e Campagna­ro. Squadra sudamericana. Squadra poli­glotta, un po’ svizzera e un po’ slovacca. Napolinternazionale, tutto d’un fiato. Bel­lo, spettacolare ma impossibile: nel senso che sì, è straordinaria la legione stranie­ra, ma senza l’ ossatura italiana sarebbe impossibile (per l’appunto) cantare come canta Napoli. E allora, gli indigeni di fer­ro: De Sanctis, Cannavaro, Aronica, Dossena e Mag­gio. I magnifici cinque de­cisivi. Imprescindibili. Lo­ro sono gli azzurri d’Italia. Sono gli irriducibili.

LA PASSERELLA – Eccoli qui, dunque. Schie­rati, in fila, coi capelli gelatinati, corti o rasati. Esperienza, personalità, carattere, fisico. Corsa, tantissima: sono i chilome­tri macinati da Maggio e Dossena. E poi, il muro Cannavaro-Aronica, due bucanie­ri autentici, amici per la pelle e anime della squadra. E poi, lui: De Sanctis. Il pi­rata portiere, l’uomo volante che, in pro­porzione, porta punti come gli attaccanti: parate che valgono gol. Passerella merita­ta per tutti: perché d’accordo l’esterofilia e le suggestioni, ma il cuore azzurro pul­sa sangue tricolore.

LA CHIAVE – Il lavoro di Mazzarri, che da sempre sviluppa calcio spumeggiante, del resto è imperniato sulla difesa e sugli esterni. E quindi sulla pattuglia italica. I centrali hanno un compito preciso: alzarsi, prendere palla e smistarla subito. Meglio ancora se sulle fasce: ecco perché gente come il capi­tano e Aronica – che in marcatura fanno faville -, Maggio e Dossena diventano fon­damentali. Per non parlare dei cross, che l’ala e il terzino sinistro fanno piovere re­golarmente; e degli inserimenti di Chri­stian il nazionale, in autentico stato di grazia e capace di galoppate spettacolari (come a Manchester) e letali (con gol, co­me con l’Inter). Loro, tutti insieme, sono uno dei segreti. Sono una delle chiavi del gioco. E la sagacia tattica di ognuno è merce rara e preziosa.

ETERNO – E De Sanctis? Beh, lui è immen­so. Davvero. È da un bel po’ il miglior por­tiere italiano. Ed è un professionista entu­siasta e impeccabile come pochi: perché se a 34 anni non ha mai saltato un solo minuto in campionato e nelle coppe europee dal­l’estate 2009, qualcosa si­gnificherà pure. Leader in campo e fuori; determinan­te e decisivo quanto gli at­taccanti; 450 minuti in campionato e 180 in Champions (esclusi recuperi). Lui c’è sempre. Per fortuna.

PANCHINA NAZIONALE – Non gli resta che sperare in una meritata soddisfazione con l’Italia, per completare il capolavoro che dipinge e intarsia con arte e passione da anni: domani a Pescara, lui che è nato a Guardiagrele ed è cresciuto proprio nel re dei club abruzzesi, andrà in panchina contro l’Irlanda del Nord ( a Belgrado c’era Sirigu). E non è escluso che Prandel­li lo mandi dentro in corso d’opera.

LE PRESENZE – Italiani che fa rima con fon­damentali, dicevamo. Italiani che per Mazzarri sono come figli (Maggio, che sta discuten­do il rinnovo del contratto, e Aronica, in scadenza) e anche punti di riferimento: parlano e si confrontano. E anzi, in tre o quattro sono come una sorta di emissari del tecnico in campo. E le presenze, tra campionato e Champions, parlano da sole: 7, en plein, per De Sanctis e Aronica; 6 per Cannava­ro (turnover con il Chievo); 5 per Maggio (k.o. per affaticamento con Fiorentina e Villarreal); 4 per Dossena (colpito da un lutto familiare prima del Chievo). Altro da dire? Bene, bravi, bis. Molti bis, please.

Fonte: Corriere dello Sport

Preferenze privacy