shinystat spazio napoli calcio news Il Napoli ha sempre gli occhi sul mercato

Il Napoli ha sempre gli occhi sul mercato


In attesa di conoscere i tempi precisi di recupero dall’infortunio di Goran Pandev, ed eventualmente valutare la possibilità di prendere a gennaio un rinforzo nel reparto offensivo, il Napoli non si lascia distrarre dall’ottimo avvio di campionato e continua a lavorare sotto traccia sul mercato per mettere le basi dei colpi di domani.
Per Riccardo Bigon sembra ormai diventato interlocutore privilegiato quell’Udinese con la quale si è confezionato nell’ultima estate il doppio affare Inler-Denis (poi ceduto all’Atalanta). Nonostante il club di Pozzo abbia ceduto i suoi gioielli più fulgidi (oltre allo svizzero, sono andati via anche Sanchez e Zapata), sono ancora parecchi i giocatori bianconeri che stimolano appetiti non solo in Italia.

Secondo la ‘Gazzetta dello Sport’, gli occhi concupiscenti degli azzurri si sono posati – nell’ottica del giugno prossimo, non prima – sul marocchino Benatia, sempre più solido ‘segreto’ della difesa record di Guidolin, e sul colombiano Armero, che a sinistra potrebbe andare a fare coppia con Dossena, lasciando il compagno di nazionale Zuniga al suo ruolo naturale di esterno destro, da spartirsi con Maggio.

A gennaio porrebbe invece essere bloccato, replicando la fortunata operazione Hamsik, un altro talento messo in vetrina dal Brescia, il belga di origini maghrebine Omar El Kaddouri, 21enne centrocampista offensivo di scuola Anderlecht sul quale già si stanno affollando numerose pretendenti (c’è anche il Genoa).

Chi a Napoli non dovrebbe più mettere piede, nonostante il suo cartellino appartenga ancora completamente al club partenopeo, è il rinato Luca Cigarini, ceduto in prestito secco all’Atalanta dove ha riconquistato la Nazionale: “Io non penso a tornare a Napoli, non penso al futuro ma solo a fare bene adesso. Eppoi ho fatto altre scelte così come le ha fatte il Napoli. Se le porte non sono definitivamente chiuse poco ci manca… Prandelli mi chiamava il Professore? Allora Pirlo è dio…

Fonte: Goal.com