shinystat spazio napoli calcio news CdS E' un Napoli da impazzire

CdS E’ un Napoli da impazzire

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ventuno anni di attesa ma alla fine del tunnel è spun­tato un Napoli bellissimo. Intimorito inizialmente ma straordinario nella ripresa quando ha dato una vera e propria lezione di calcio al Manche­ster City, una squadra fisicamente straripante e di grande qualità tecni­ca. Ma a questo strapotere atletico, i ragazzi di Mazzarri hanno risposto con l’intelligenza, l’abnegazione, l’or­dine tattico e uno spirito di sacrificio sconfinato. Significativo, da quest’ul­timo punto di vista, la prova inap­puntabile di Zuniga dalla cui parte agiva l’avversario più pericoloso, Sil­va; e la sgroppata di Maggio che do­po aver rubato palla al limite dalla propria area si è fatto da vero velo­cista una cinquantina di metri libe­rando alla fine Cavani che ha infila­to con un micidiale diagonale la pal­la in rete facendola passare sotto le gambe di un Hart che ieri ha scher­zato troppo col fuoco dei rinvii di piede. Solo una ingenuità (la puni­zione di Kolarov ha trovato una bar­riera molle e un De Sanctis non par­ticolarmente reattivo) ha impedito al Napoli di portare a casa la posta piena. Ma questo è un punto che va­le perché «rompe» l’emozione, dà fi­ducia alla squadra e all’ambiente (come dimostrano i tremila arrivati dall’Italia che hanno cantato dall’ini­zio alla fine, anche loro con una ab­negazione tale da zittire il City of Manchester). Bello, bello, bello. Troppo per essere vero. Ancora di più per non esserlo. Bravissimo Mazzarri che ha chiuso gli spazi a Silva ingabbiandolo tra Zuniga e Gargano. E quando nella ripresa ha dovuto rinunciare all’acciaccato La­vezzi, ha addirittura migliorato la squadra perché ha avanzato il rag­gio di azione di Hamsik e inserito Dzemaili bravissimo ad accompa­gnare il contropiede (c’era pure in occasione del gol, alla sinistra di Maggio) e a irrobustire la mediana quando la palla era nei piedi degli avversari.

SOFFERENZA – Tremavano le gambe dei ragazzi di Mazzarri. Inevitabile: in una manifestazione così grande, in uno stadio così pieno e urlante. Per una ventina di minuti, il Napoli ha capito poco, preoccupandosi so­prattutto di fare muro davanti a De Sanctis, di imprigionare in qualche maniera l’inventiva di Silva e di an­ticipare Dzeko che in campo aperto (e nel gioco aereo) non è ostacolabi­le. Possesso-palla e controllo del gio­co tutto nei piedi del Manchester Ci­ty che, comunque, riusciva a creare apprensione solo con un tiro di Dze­ko, radente e fuori di poco. Poi è ar­rivata la traversa di Lavezzi su un bellissimo contropiede e lì qualcosa è cambiato. Il Napoli ha preso un po’ di coraggio. Però tra i piedi dei ra­gazzi di Mazzarri la palla scottava e lo si capiva dai troppi appoggi sba­gliati, da un angolo battuto in manie­ra suicida da Lavezzi che invece di servire i compagni faceva partire il contropiede degli inglesi che per fortuna sprecavano tutto con Yaya Tourè (conclusione a botta sicura dagli undici metri e traversa). Maz­zarri sapeva che per limitare i dan­ni bisognava contenere Silva, l’uomo più in forma, quello che fa segnare Aguero e Dzeko. Di qui la scelta di Zuniga a chiudere la fascia sinistra (al posto del più offensivo Dossena) e di Gargano che spesso finiva sulle tracce dello spagnolo. Mas anche Mancini preferiva chiudere dalla parte di Lavezzi inserendo Zabaleta.


SOGNO
– L’infortunio dell’argentino avrebbe potuto avere un contraccol­po molto negativo sul Napoli. Inve­ce la squadra di Mazzarri ha impie­gato pochi secondi a risistemarsi con Dzemaili a svolgere i compiti che normalmente sono di Hamsik. Silva, sempre più in ombra, prova­va a entrare in partita cambiando fascia ma il Napoli, dimenticata l’iniziale paura, ha cominciato a far girare la palla con poche sbavature, soprattutto ripartiva negli spazi in maniera spietata. Il gol di Cavani (fino a quel momento non propria­mente brillante) sottolineava una supremazia tattica a quel punto evi­dente. Il Manchester City faticava a stare in campo, faticava anche a reagire. Colpiva una traversa ( Aguero) e trovava un po’ casual­mente il pareggio. Ma il Napoli, su­bito il gol, dava una ulteriore dimo­strazione di maturità riprendendo il comando del gioco, tenendo abba­stanza lontano gli avversari dall­’area, limitando al minimo i rischi. E alla fine i ragazzi di Mazzarri in­cassavano il giusto premio. Scate­nando il tripudio di un popolo in fe­sta.

Preferenze privacy