Da Sarri a MasSarri, evoluzione davvero inevitabile?